Log in
20-Oct-2018 Aggiornato alle 18:05 +0200

Marcianise, sequestrati 9500 di olio lubrificante di contrabbando

  • Scritto da Nota stampa, Comando Prov. Gdf Caserta
  • Pubblicato in Focus
  • 0 commenti
Marcianise, sequestrati 9500 di olio lubrificante di contrabbando Foto: Guardia di Finanza - Il Materiale sequestrato Marcianise, sequestrati 9500 di olio lubrificante di contrabbando

La rappresentante legale della società d'importazione era già stata denunciata per contrabbando di prodotti energetici.

La Compagnia della Guardia di Finanza di Marcianise ha sequestrato ieri nell’area industriale di Marcianise  9.500 litri di olio lubrificante di contrabbando.

L’attività è nata da un controllo su strada operato dai militari delle Fiamme Gialle nei confronti di un furgone che trasportava olio lubrificante scortato da documentazione attestante la spedizione del prodotto da parte di un importatore di Milano a un cliente del napoletano.

Gli accertamenti svolti nell’immediatezza permettevano invece di accertare che la merce era stata appena prelevata da un deposito di Marcianise e che il rappresentante legale della società d’importazione, V.C. ventiseienne napoletana formalmente residente nella provincia di Venezia, era stata già denunciata pochi mesi fa, sempre per contrabbando di prodotti energetici.

Leggi ancheRUBANO A "LA REGGIA" DI MARCIANISE MA FINISCE MALE PER LORO

La perquisizione quindi effettuata presso il capannone della zona ASI di Marcianise in cui era stata caricata la merce, sede di una società di logistica, ha rivelato la presenza di un grosso quantitativo di olio lubrificante pronto per essere immesso in commercio e lì giacente in contenitori di varia grandezza, risultato tutto importato senza aver assolto alcuna imposta, per un danno alle casse dello Stato stimabile in circa 10.000 euro, tra accise e IVA evase.

La responsabile della società importatrice è stata nuovamente denunciata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere per sottrazione al pagamento dell’accisa su prodotti energetici e rischia ora una pena da uno a cinque anni, mentre tutto il prodotto stoccato è stato sequestrato e tolto dal mercato illegale.

Come da prassi le Fiamme Gialle eseguiranno ulteriori approfondimenti per ricostruire la reale provenienza e il quantitativo esatto di prodotto importato nel corso del tempo in completa evasione d’imposta.