Log in
25-May-2019 Aggiornato alle 11:18 +0200

San Tammaro, sequestrato un impianto di stoccaggio di rottami

  • Scritto da Nota stampa, Comando Prov. Carabinieri Caserta
  • Pubblicato in Ambiente
  • 0 commenti
San Tammaro, sequestrato un impianto di stoccaggio di rottami Foto: Carabinieri San Tammaro, sequestrato un impianto di stoccaggio di rottami

Ravvisate dai Carabinieri violazioni penali della normativa ambientale a carico del titolare dell'impianto.

Militari appartenenti alle Stazioni Carabinieri Forestale di Marcianise e di Napoli, coadiuvati da tecnici specializzati del Dipartimento Provinciale di Caserta dell’ARPAC, hanno sottoposto a sequestro giudiziario un impianto di stoccaggio e di trattamento di rifiuti speciali non pericolosi di rottami metallici, sita in comune di San Tammaro (CE), alla Via delle Industrie.

Leggi ancheCARABINIERI FORESTALI, BILANCIO ATTIVITÀ DEL 2018

Nel corso della verifica, infatti, sono state accertate violazioni penalmente rilevanti in materia ambientale per gestione non autorizzata di rifiuti speciali pericolosi effettuata tramite anche attività di taglio al cannello con fiamma ossidrica con conseguente emissioni in atmosfera non autorizzate, nonché inosservanza delle prescrizioni contenute nei titoli autorizzativi con particolare riferimento a:

  • stoccaggio dei rifiuti in aree difformi rispetto a quelle riportate nella planimetria autorizzata;
  • quantità di rifiuti sottoposta a trattamento superiore rispetto a quella autorizzata;
  • assenza della cartellonistica di identificazione dei rifiuti.

Si sono quindi ravvisate le seguenti violazioni penali a carico del predetto titolare dell’impianto, denunciato in stato di libertà, per gestione non autorizzata di rifiuti speciali pericolosi; inosservanza delle prescrizioni contenute o richiamate nelle autorizzazioni per rifiuti non pericolosi; attività di trasformazione di rifiuti attraverso operazioni di taglio al cannello con fiamma ossidrica ed attività di saldatura non autorizzate in violazione alla normativa in materia di emissioni in atmosfera.

Per quanto sopra descritto, si è proceduto al sequestro preventivo d’iniziativa dell’intero impianto di gestione dei rifiuti con circa 400 mc stimati a vista di rifiuti speciali pericolosi miscelati ai non pericolosi.