Log in
24-Nov-2017 Aggiornato alle 15:59 +0100

Incendia la sua stanza in un centro di accoglienza per protesta e gli sparano

Incendia la sua stanza in un centro di accoglienza per protesta e gli sparano Foto: archivio Incendia la sua stanza in un centro di accoglienza per protesta e gli sparano

Ad aprire il fuoco un 43enne uno dei soci del Consorzio gestore di alcune Centri di accoglienza nella Regione Campania.  

GRICIGNANO D'AVERSA - I Carabinieri della Stazione di Gricignano di Aversa (CE), nel corso della tarda serata di ieri, sono intervenuti in via Leonardo Da Vinci, presso il Centro Temporaneo di Accoglienza “La Vela”, unitamente ai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise, a seguito della segnalazione del ferimento, con colpi d’arma da fuoco, del cittadino del Gambia B.A. 19enne, ospite del centro.

L’uomo, nelle ore precedenti, aveva dato fuoco alla sua stanza per protesta, causando l’evacuazione dei migranti alloggiati nello stabile interessato.

In attesa dell’arrivo dei Vigili del Fuoco, come hanno ricostruito le indagini dei Carabinieri nell'immediato, uno dei soci del consorzio che gestisce alcuni centri di permanenza temporanea nella Regione Campania, tale D. G. C., 43enne residente a Gricignano di Aversa a bordo di un’autovettura, dopo aver avuto un’animata discussione con il 19enne, ha esploso due colpi di arma da fuoco ferendolo alla bocca.

Il 43enne dopo aver eploso i colpi si è allontanato facendo perdere le proprie tracce, sempre con la vettura con cui era arrivato condotta da un secondo uomo. Gli accertamenti effettuati dai militari dell'Arma hanno però consentito di individuare, identificare e sottoporre a fermo il 43enne, grazie al prezioso aiuto delle dichiarazioni rese da un testimone.

Il 19enne del Gambia è stato trasportato d'urgenza presso il Pronto Soccorso di Aversa dal personale del 118 intervenuto sul posto, per essere poi trasferito presso l'Ospedale Cardarelli a Napoli in rianimazione dove è tutt'ora ricoverato in prognosi riservata.

Le indagini si sono spostate presso l'abitazione del 43enne che ha aperto il fuoco e attraverso una perquisizioni nell'abitazione i Carabinieri hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro 4 fucili e 2 pistole legalmente detenute.

I Carabinieri, nei pressi del luogo della sparatoria, hanno inoltre rinvenuto e sottoposto a sequestro un’ogiva conficcata nell’asfalto. I motivi del gesto sono verosimilmente riconducibili ad alcune manifestazioni di protesta inscenate dal cittadino straniero nelle scorse settimane.

L’incendio nella stanza è stato domato da personale dei Vigili del Fuoco di Aversa. A diffondere la notizia una nota stampa del Comando Provinciale Carabinieri di Caserta

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.