Log in
14-Dec-2017 Aggiornato alle 19:35 +0100

Contrabbando carburante. Modificano il veicolo istallando una cisterna di 1000 litri

  • Scritto da Nota stampa Comando Prov. Gdf. Napoli
  • Pubblicato in Focus
  • 0 commenti
Contrabbando carburante. Modificano il veicolo istallando una cisterna di 1000 litri Foto: Guradia di Finanza - Particolare del Furgone modificato

Denunciato l'acquirente e l'autista del furgoncino adibito a distributore ambulante di carburante. Si stima un'evasione di oltre 500mila euro

CARINOLA - Nel quadro della quotidiana attività di prevenzione generale e di controllo economico del territorio, i finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno sequestrato, nel Comune di Carinola (Ce), oltre 800 litri di gasolio di contrabbando pronto per essere immesso in commercio in totale evasione d’imposta.

In particolare, i militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli, nell’ambito di un servizio di polizia nella zona Nord di Napoli, hanno notato un furgoncino tipo scuolabus che risultava visibilmente in sovraccarico e con il motore stranamente sotto sforzo, sebbene presente a bordo il solo autista.

La pattuglia operante, pertanto, ha seguito il mezzo nel suo itinerario fino a quando lo stesso si è fermato nei pressi di un cortile nella frazione Nocelleto di Carinola. in tale area, veniva improvvisata una vera e propria “stazione di rifornimento” abusiva di carburante di contrabbando per autotrazione, con tanto di pistola erogatrice e “conta litri” professionale.

Al termine del servizio, gli operanti hanno rinvenuto all’interno del furgoncino, abilmente ricavata tra due file di sedili posteriori, una capiente cisterna metallica della capacità di circa 1.000 litri, strapiena di gasolio sprovvisto di documentazione. Veniva reperita, altresì, tutta l’attrezzatura necessaria per allestire un distributore di “contrabbando” ambulante, provvisto di relativo dispositivo elettro-meccanico per l’erogazione del carburante.

L’autista del furgoncino e un acquirente venivano denunciati a piede libero alla competente autorità giudiziaria, per le specifiche violazioni di carattere penale in materia di contrabbando. Sulla base dell’esame del dispositivo di distribuzione sequestrato, è emerso che la pistola erogatrice aveva già effettuato rifornimenti di gasolio di contrabbando per diverse migliaia di litri, perpetrando un’evasione delle imposte pari ad oltre mezzo milione di euro. L’attività odierna testimonia il costante presidio esercitato dalla Guardia di Finanza di Napoli sul territorio a salvaguardia delle leggi ed a tutela degli operatori economici che rispettano le regole.