Log in
14-Dec-2017 Aggiornato alle 19:35 +0100

Sequestrati beni ad un imprenditore di Aversa

Sequestrati beni ad un imprenditore di Aversa foto: archivio

L'uomo è indagato per usura ed estorsione aggravata dal metodo mafioso. L'operazione della Guardia di Finanza di Napol

AVERSA - Operato un sequestro preventivo di beni nei confronti di G. F., imprenditore di Aversa indagato per usura ed estorsione aggravata con l'aggravante del metodo mafioso. Ad eseguire il provvedimento, emesso dal Gip presso il Tribunale di Napoli, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli. L'estorsione, secondo gli inqueirenti, è avvenuta ai danni di un imprenditore della Provincia di Napoli che opera nel settore dei trasporti e della logistica di merci. A diffondere la notizia una nota stampa della Procura della Rebubblica di Napoli.

Le attività di indagine è emerso, stando alla nota, che G. F. aveva erogato alla sua vittima prestiti per oltre 320mila euro tra il 2010 e il 2012, ottenendo in restituzione la somma di 425.892,00 euro e la cessione di tre immobili ubicati nella Provincia di Napoli, per un valore commerciale di oltre 350mila euro ad un tasso di 175,996% annuale.

Gli inquirenti hanno accertato anche la titolarità da parte di G. F. di un patrimonio di dimensioni spropositate sia mobiliare che immobiliare rispetto a quanto dichiarato ed è stato disposto nei suoi confronti il sequestro di 33 immobili tra la Provincia di Caserta e quella di Napoli per un valore commerciale di 8.500.000,00 euro, di quattro società che operano nel settore immobiliare e delle costruzioni, di imbarcazioni da diporto, di una rivendita di tabacchi, di 7 autoveicoli, di una imbarcazione da diporto del valore di 150mila euro e 28 rapporti bancari.

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.