Log in
18-Sep-2019 Aggiornato alle 11:11 +0200

Potere al Popolo al fianco delle famiglie vittime dell'incendio a Calvizzano

  • Scritto da Nota stampa, Potere al Popolo
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti
Potere al Popolo al fianco delle famiglie vittime dell'incendio a Calvizzano Potere al Popolo al fianco delle famiglie vittime dell'incendio a Calvizzano

Diamo voce agli invisibili: Le famiglie di via Calamandrei

Ieri siamo stati all'hotel Donato per portare i beni di prima necessità, che in questi giorni abbiamo raccolto, alle famiglie di via Calamandrei (#Calvizzano) che dopo un incendio divampato al piano terra della palazzina di proprietà dei #Cesarano si sono trovate per strada da un giorno all'altro e solo temporaneamente ospitate nell'hotel.

Leggi ancheCALVIZZANO, A FUOCO UNA PALAZZINA A VIA CALAMANDREI

Abbiamo trovato una situazione allarmante: molti anziani e tanti bambini piccoli rischiano, dopo aver perso la loro casa e i loro beni (ormai inutilizzabili), di restare per strada già nelle prossime ore.

Su di loro pende, infatti, un conto alla rovescia che li porterà a rimanere per strada visto che i commissari del comune di Calvizzano gli hanno praticamente detto di non avere soluzioni e di arrangiarsi per conto loro una volta scaduta la settimana di ospitalità (dovrebbe terminare domani!) garantita all'interno dell'hotel Donato. 

 Per le famiglie, dopo una settimana dall'incendio, è stato chiaramente impossibile trovare una situazione abitativa alternativa, complice non solo il poco tempo e le garanzie economiche da presentare ma anche la situazione a dir poco precaria che non permette loro di conciliare lavoro, tranquillità e stabilità per i bambini e lucidità mentale per mettersi alla ricerca di soluzioni alternative dignitose. 

 Pensiamo che lo stato, ovvero il comune e chi in questo momento lo rappresenta, debba prendersi carico di questa situazione perché non è possibile lasciare per strada queste famiglie senza offrire alcuna soluzione abitativa temporanea alternativa.

Che il comune metta a disposizione di queste famiglie per un tempo ragionevole (30/45 giorni) i beni comunali inutilizzati impegnandosi a renderli vivibili quel tanto che basta o si faccia garante con i privati che hanno abitazioni sfitte, mettendole a disposizione delle famiglie sfollate. 

 Che la Chiesa faccia lo stesso - continuando a supportare queste famiglie - mettendo a disposizione i propri immobili e spazi, allestendo dei "rifugi" sicuri e dignitosi; che chieda a gran voce ai propri fedeli di mettere in pratica il messaggio di carità e umanità di Gesù evitando che queste persone restino al freddo e al gelo!

La casa e la dignità di tutti gli individui devono essere preservati!

 P.s.

Un grandissimo ringraziamento va da parte nostra ai tantissimi e tantissime che hanno contribuito alla raccolta dei beni di prima necessità! #UnitiSiamoTutto

#PrimaGliInvisibili
#CasaPerTuttieTutte