Log in
18-Jul-2019 Aggiornato alle 17:45 +0200
Redazione

Redazione

Napoli Arenella, il 13 giugno commise due rapine in 10 minuti: arrestato

L'uomo, un 37enne del quartiere Avvocata, rapinò due donne: una in via alfredo rocco e l'altra in via D'Amelio.

I Carabinieri della Stazione Vomero-Arenella hanno tratto in arresto per rapina, un 37enne del quartiere Avvocata già noto alle forze dell’ordine, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della Procura.

Leggi ancheNAPOLI, FERISCE LA MOGLIE ARRESTATO 56 ENNE

L'uomo è ritenuto responsabile di due rapine compiute in rapida sequenza il 13 giugno ai danni di due donne.

Alla prima, mentre camminava su via alfredo rocco, ha puntato contro una pistola e le ha portato via telefoni cellulari e circa 70 euro. Alla seconda, su via d'amelio, ha sottratto il cellulare e tentato di portare via la fede nuziale.

Imnportantissimo il contrubuto delle immagini dei sistemi di video sorveglianza fornito alle indagini svolte dai Carabinieri e coordinate dalla Procura,

Esaminando, infatti, le registrazioni i Miliìtari dell'Arma sono stati in grado di dare un volto all'uomo onfermato dalle vittime, in un secondo momento,che lo hanno riconosciuto. Davanti a tali evidenze è stata emessa da parte dell'Autorità Giudiziaria la misura cautelare e, dopo l'esecuzione della quale, il 37enne è stato tradotto al carcere di Poggioreale.

Posto sotto sequestro anche lo scooter utilizzato per le rapine risultato rubato il 4 giugno scorso.

  • Pubblicato in News
  • 0

Giugliano, Città Metropolitana: "Non individuato alcun sito provvisorio per stoccare i rifiuti"

Poziello: "Si ritiri la richiesta di autorizzazione e la Conferenza dei servizi del 25 luglio".

Dopo le polemiche e le azioni successive alla volontà di aprire un sito provvisiorio di stoccaggio a Giugliano da utilizzare nei 35 giorni di chiusura del termovalorizzatore di Acerra, Città metropolitana rilascia la seguente nota stampa. 

Leggi ancheCONTROLLI DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI GIUGLIANO, SEQUESTRATA “CAVA GIULIANI”

"La Città Metropolitana di Napoli rende noto che è in corso in questi giorni un'interlocuzione tecnica con la Regione Campania sulla problematica relativa alla manutenzione straordinaria programmata del Termovalorizzatore di Acerra. Al momento non si è ancora giunti alla definizione di alcun sito di stoccaggio da utilizzare per i 35 giorni di chiusura del Termovalorizzatore".

Con tale nota l'Ente di Piazza Matteotti, ha portato all'attenzione della cittadinanza di non essere giunti a nessuna difinizione di sito di stoccaggio provvisorio. Sono in corso, tuttavia, delle interlocuzioni tra Regione e Città Metropolitana proprio per risolvere l'emergenza.

"Prendo atto positivamente della precisazione della Città Metropolitana, relativa alla non definitiva individuazione dei siti stoccaggio provvisorio dei rifiuti. Adesso, però, l’Amministratore Delegato di Sapna ritiri la richiesta di Autorizzazione e annulli la Conferenza di servizi del 25 luglio prossimo”. Così ha commentato, in una nota inviata ai media il Sindaco di Giugliano Antonio Poziello, avanzando una nuova richiesta all'Amministratore Delegato di SapNa.

Lacco Ameno, riduce in fin di vita un clochard: arrestato

L'uomo dormiva dentro un albergo quando è stato aggredito dal 36enne cittadino dell'Ucraina.

I Carabinieri della Stazione di Casamicciola Terme, insieme a quelli dell’aliquota radiomobile di Ischia hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio un 36enne di origine ucraina, già noto dalle forze dell’ordine.

Leggi ancheIN SELLA AD UNA VESPA INVESTE A LACCO AMENO UN CICLISTA E NON PRESTA SOCCORSO

Qualche ora prima un 40enne di Forio senza fissa dimora era stato trasportato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale di Lacco Ameno. Aveva traumi e ferite al cranio e secondo i medici era stato colpito con un oggetto contundente.

Considerata la gravità delle lesioni riportate gli stessi medici hanno allertato i Carabinieri che hanno raccolto una prima testimonianza dalla vittima. Nonostante le ferite era cosciente ed è stato in grado di fornire il nome dell’aggressore.

I militari si sono messi sulle sue tracce e dopo qualche ora l’hanno rintracciato e arrestato a Lacco Ameno.

Secondo quanto ricostruito, il 36enne ha raggiunto il 40enne in un hotel abbandonato dell’isola, lì dove si era ricavato un rifugio per la notte. Ha recuperato un bastone, l’ha colpito più volte alla testa mentre dormiva e l’ha abbandonato agonizzante.

A trovare il corpo in fin di vita del 40enne e a chiamare i soccorsi un’altra persona che aveva adottato quell’hotel come ricovero.

Il 40enne, successivamente trasportato all’Ospedale di Pozzuoli, è ricoverato in prognosi riservata. Seleznov, dopo l’udienza di convalida, è stato tradotto al carcere di Poggioreale.

Ancora da chiarire il movente del suo gesto.

  • Pubblicato in Focus
  • 0

Qualiano, chiuse le fontanine pubbliche: ecco la risposta del Sindaco

La segnalazione sul gruppo Facebook “Sei di Qualiano se” ha scatenato una polemica. Il sindaco: "Alcune erano diverte ed altre favorivano sprechi ".

Tutto è partito da un cittadino di Qualiano che attraverso un video ironico su facebook ha portato all’attenzione dell’opinione pubblica il problema.

Leggi ancheQUALIANO, PRIMO MEMORIAL GIUSEPPE CORRADINO

Numerosi sono stati i commenti non hanno vissuto bene tale decisione. Sta di fatto che nel caso qualche cittadino voglia riempire una bottiglietta d’acqua, come avviene in tutte le città, non potrà farlo a meno che non decida di recarsi in Piazza D’Annunzio o al Pozzo Comunale, dove ad oggi le fontanine ancora funzionano.

«Qualiano ha un contenzioso con per circa 400mila euro con Acquedotti SCPA e siccome alcune fontanelle per strada avevano dei problemi e favorivano sprechi a carico del Comune. Altre, invece, sono state  vandalizzate e divelte e quindi abolite. Restano in funzione quella del "Pozzo comunale" e quella in "Piazza D’Annunzio". Ricordiamo che le bollette di queste ultime unitamente a quelle delle scuole sono a carico del Comune. È da dire, inoltre, che questa è una decisione che è stata presa in passato, ma qualora vi sia un sistema che permetta di eliminare gli sprechi che ben venga non credo vi siano difficoltà a riaprirle. Tengo tuttavia a precisare che Qualiano ha problemi ben più seri delle fontanelle per strada». Così ha commentato il Sindaco Raffaele De Leonardis.

  • Pubblicato in News
  • 0

Partiva per Ibiza con 750 grammi di hashish: arrestato

Il 29enne di San Giorgio a Cremano aveva nascosto la droga dentro la custodia della chitarra.

F. P., 29enne napoletano, è stato arrestato dai poliziotti del Commissariato San Giorgio a Cremano per detenzione di sostanza stupefacente.

Leggi ancheSAN GIORGIO A CREMANO, SORPRESI CON UN MANGANELLO IN AUTO

Gli agenti hanno eseguito un controllo presso l’abitazione del giovane in Via Mazzini nel comune vesuviano dove, all’interno di una custodia per chitarra, hanno rinvenuto e sequestrato hashish suddiviso in panetti ed ovuli per un peso di 750 grammi2600 euro e un bilancino di precisione.

Il giovane era in procinto di prendere un volo diretto ad Ibiza e aveva inoltre, occultati negli abiti che indossava, ovuli di hashish e mille euro in contanti.

  • Pubblicato in News
  • 0

Sant'Agnello, avevano nascosta droga in un garage in fitto: denunciati madre e figlio

Gli agenti, all'atto del controllo, hanno rinvenuto tre bilancini di prcisione e 63 bustine con all'interno marijuana.

Gli agenti del Commissariato di Sorrento hanno denunciato in stato di libertà una donna 43enne ed il figlio 17enne per detenzione di sostanza stupefacente.

I poliziotti,  intervenuti in Via Italia nel comune di Sant’Agnello, hanno controllato un box in fitto ad una donna originaria di Vico Equense.

All'interno del garage i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato tre bilancini di precisione e sessantatré bustine contenenti marijuana, oltre ad un libro con annotazioni delle vendite.

Davanti a tali evidenze i due sono stati denunciati.

  • Pubblicato in News
  • 0

Villaricca, beccati dai Carabinieri mentre tentavano di rubare un rolex

Quando i Carabiieri di Villaricca li hanno sorpreso i due aveva già puntato la pistola ad un automobilista.

I Carabinieri della Stazione di Villaricca hanno tratto in arresto per tentata rapina il 24enne A. P. e il 27enne P. S., entrambi di Napoli e già noti alle forze dell'ordine.

Leggi ancheVILLARICCA, NASCONDE LA DROGA NEL SUO BAR: ARRESTATO

I due erano a bordo di uno scooter con targa oscurata con nastro adesivo quando sono stati sorpresi da una pattuglia di passaggio.

Caschi integrali calzati, puntavano una pistola contro un’automobilista fermo nel traffico che al polso indossava un Rolex del valore di circa 10 mila euro.

Alla vista dei carabinieri A.P. e P.S. sono fuggiti ma immediatamente raggiunti e bloccati.

I due sono stati arrestati e, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti al carcere di Poggioreale. Il loro scooter e l’arma utilizzata: una pistola scenica privata del tappo rosso, sono stati posti sotto sequestro.

  • Pubblicato in News
  • 0

Calvizzano, non si fermano all'alt: bloccati. I Carabinieri trovano armi e droga

Una volta bloccati i Carabinieri trovano nei loro appartamenti oltre 2 kg di cocaina, marijuana e armi.

I Carabinieri della Sezione radiomobile di Marano hanno tratto in arresto per detenzione di stupefacente a fini di spaccio, detenzione di armi clandestine e resistenza a pubblico ufficilae un 26enne V.F. e un 41enne S.P., entrambi del posto e già noti alle forze dell’ordine.

Leggi ancheMUGNANO, AL VIA I LAVORI NEL CIMITERO PER LA REALIZZAZIONE DI 96 NICCHIE CINERARIE

I due sono stati notati dai militari durante un controllo alla circolazione. I Carabinieri hanno provato a fermarli ma, nonostante l’alt, si sono dati alla fuga.

Dopo un lungo inseguimento per le strade di Calvizzano, i i  Militari dell'Arma hanno bloccato il veicolo e perquisito i due occupanti: nelle loro tasche 2 bustine di marijuana ciascuno e 3700 euro in contante.

Estesa la perquisizione anche nelle loro abitazioni, i militari hanno rinvenuto e sequestrato - nell’appartamento di V.F - una pistola Beretta calibro 7,65 con matricola punzonata, 2,7 chili di cocaina suddivisa in 10 sacchetti termosigillati e 7350 euro in contante ritenuto provento illecito.

Nell’abitazione di S.P. sequestrate invece 2 bustine di marijuana del peso complessivo di 1,5 grammi, una pistola Browning cal. 7,65 con matricola punzonata, 900 euro in contante ritenuto provento illecito, un bastone telescopico, un coltello a serramanico, una pistola scenica e una balestra di piccole dimensioni con relative frecce in ferro.

Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti al carcere di Poggioreale.

  • Pubblicato in News
  • 0

Torre del Greco, armi nascoste nell'armadio: arrestato

L'uomo un 38enne di Torre del Greco aveva una Beretta calibro 9 e 48 proiettili. Trovata anche una pistola scenica priva del tappo rosso.

Ieri pomeriggio, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di  Torre del Greco hanno arrestato un 38enne per detenzione illegale di arma da guerra con relativo munizionamento e ricettazione.

Leggi anche:TORRE DEL GRECO: SPACCIATRICE DI 53 ANNI FINITA IN MANETTE

I poliziotti si sono recati presso il domicilio dell’uomo al Corso Garibaldi dove, nascoste in un armadio in camera da letto, hanno rinvenuto una pistola semiautomatica Beretta 92S carica con 10 proiettili, un secondo caricatore rifornito con 9 proiettili ed altri 29 proiettili dello stesso calibro, e la riproduzione di una Beretta 92S marca Bruni completa di serbatoio e priva del tappo rosso.

L’uomo è stato arrestato e le pistole ed il munizionamento sono stati sequestrati

  • Pubblicato in News
  • 0

Melito Parco Monaco, beccati tre pusher

I tre sono stati sopresi a seguito si un servizio di osservazione messo in atto dai Militari della Tenenza di Melito.

I Carabinieri della Tenenza di Melito hanno arrestato questa notte per spaccio di stupefacenti un 36enne di Casavatore, un 38enne di Melito e un 25enne di Ercolano, tutti già noti alle forze dell’ordine.

Leggi ancheSCAMPIA: ARRESTATO 30ENNE MENTRE RIFORNISCE PIAZZA DI SPACCIO

Durante un servizio di osservazione all’interno del “Parco Monaco” i militari hanno documentato 6 cessioni di droga e fermato gli acquirenti ai quali hanno sequestrato 7 stecche di hashish del peso complessivo di 18 grammi e 2 bustine di marijuana del peso di 2 grammi.

Dei tre pusher il 25enne è stato bloccato per primo, mentre gli altri due, alla vista dei Carabinieri sono scappati rifugiandosi in un appartamento del parco.

La loro fuga è stata de tutto inutile perché sono stati raggiunti e bloccati anche il 36enne e il 38enne. Nel loro rifugio i Militari dell'Arma hanno rinvenuto e sequestrato una dose di cocaina del peso di un grammo, 63,50 euro in contante e materiale vario per il confezionamento.

Arrestati, i tre uomini sono stati tradotti al carcere di Poggioreale. I “clienti” sono stati segnalati alla Prefettura.

  • Pubblicato in Focus
  • 0
Sottoscrivi questo feed RSS