Log in
21-Sep-2019 Aggiornato alle 17:28 +0200

Montoro, non comunica le persone alloggiate: denunciato il titolare di una struttura ricettiva

  • Scritto da Nota stampa, Comando Prov. Carabinieri Avellino
  • Pubblicato in News
  • 0 commenti
Montoro, non comunica le persone alloggiate: denunciato il titolare di una struttura ricettiva Foto: Carabinieri Montoro, non comunica le persone alloggiate: denunciato il titolare di una struttura ricettiva

La denuncia è scattata all'esito di un controllo sulle strutture ricettive disposto dal Comando provinciale Carabinieri Avellino.

I Carabinieri della Stazione di Montoro Inferiore, nell’ambito dei servizi disposti dal Comando Provinciale di Avellino finalizzati a garantire sicurezza e rispetto della legalità, hanno effettuato una serie di controlli tesi ad accertare anche eventuali violazioni da parte delle locali strutture ricettive.

Leggi ancheMONTORO TRUFFA ON LINE: SMARTPHONE A PREZZO CONVENIENTE: DENUNCIATO 70ENNE

All’esito delle verifiche è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino nei confronti del legale rappresentante della società che gestisce una struttura ricettiva del montorese, ritenuto responsabile di “Omessa comunicazione delle persone alloggiate”.

La norma violata è l’articolo 109 del T.U.L.P.S.: stabilisce che i gestori di strutture ricettive, comprese quelle che forniscono alloggio in tende, roulotte nonché i proprietari o gestori di case e di appartamenti per vacanze e gli affittacamere, ivi compresi i gestori di strutture di accoglienza, ad eccezione dei rifugi alpini inclusi in apposito elenco istituito dalla regione o dalla provincia autonoma, debbano comunicare giornalmente all’Autorità di Pubblica Sicurezza l’arrivo delle persone alloggiate, mediante consegna di copia della scheda o comunicazione, anche con mezzi informatici.

I gestori che non provvedono alla comunicazione delle persone alloggiate sono soggetti all’applicazione dell’articolo 17 del T.U.L.P.S., norma che prevede l’arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino a 206 euro.