Log in
21-Sep-2019 Aggiornato alle 17:28 +0200

Montella, scovato deposito incontrollato di rifiuti pericolosi

  • Scritto da Nota stampa, Comando Prov. Carabinieri Avellino
  • Pubblicato in Ambiente
  • 0 commenti
Montella, scovato deposito incontrollato di rifiuti pericolosi Foto: Carabinieri Montella, scovato deposito incontrollato di rifiuti pericolosi

I Carabinieri denunciano due persone per violazione unica per i nuovi impianti di recupero.

Permane alta in Irpinia l’attenzione dei Carabinieri del Gruppo Forestale nella pianificazione ed attuazione dei servizi finalizzati anche all’accertamento di violazioni connesse alla tutela dell’ambiente e della salute pubblica e, in particolare, alla gestione illecita di rifiuti.

Leggi ancheFORINO, TRASFORMAVANO AREA BOSCHIVA IN CASTAGNETO DA FRUTTO: DENUNCIATI

Nell’ambito di un piano di azione per il contrasto dei roghi dei rifiuti promosso dalla Prefettura di Avellino, i Carabinieri della Stazione Forestale di Bagnoli Irpino hanno denunciato due persone ritenute responsabili di Violazioni in materia ambientale, Attività di gestione di rifiuti non autorizzata e Violazione degli obblighi di tenuta dei registri obbligatori.

Il controllo eseguito presso un’azienda di Montella, congiuntamente a personale dei Vigili del Fuoco, A.R.P.A.C. e A.S.L. di Avellino, ha permesso di riscontrare un deposito incontrollato di oltre 75 tonnellate di rifiuti di vario genere, derivanti dall’attività lavorativa, pericolosi (oli per motori, ingranaggi e lubrificazione) e non (imballaggi di carta e cartone, fanghi prodotti da altri trattamenti di acque reflue industriali, materiali misti prodotti dal trattamento meccanico).

Inoltre, alcune tipologie dei suddetti rifiuti sono risultate collocate in aree diverse da quelle individuate in planimetria, in contrasto con le prescrizioni contenute nell’Autorizzazione Unica rilasciata dalla Regione Campania.

Nel corso delle verifiche i militari operanti hanno altresì accertato l’errata compilazione del registro di carico e scarico rifiuti, per cui è stata elevata una sanzione amministrativa dell’importo di oltre 4mila euro.