Log in
21-Jul-2018 Aggiornato alle 13:07 +0200

Napoli è Poesia, un inno alla Napoletanità: l'evento del 2 gennaio

  • Scritto da Nota stampa Pro Loco Villaricca
  • Pubblicato in Cultura
  • 0 commenti
Napoli è Poesia, un inno alla Napoletanità: l'evento del 2 gennaio Foto: Comunicato Napoli è Poesia, un inno alla Napoletanità: l'evento del 2 gennaio

Bagno di folla per I Guarracini, Salvatore Palomba e Mimmo Angrisano.

VILLARICCA - Un tributo di folla. Un successo in termini di qualità e di quantità. Circa trecento persone hanno assistito alla serata di musica e spettacolo “Napoli è Poesia” promossa ed organizzata dalla Pro Loco di Villaricca. La scenografia è stata quella delle sale de “La Lanterna”.

I riflettori puntati su “I Guarracini”, la compagnia di attori che sta attraversando il Vecchio Continente calcando le ribalte dei più prestigiosi teatri entusiasmando il pubblico con le danze e le performance al ritmo del folclore campano. Ritmi sincopati, acuti sferzanti, costumi di fattura sopraffina per un galà di coreografie e di sinfonie rigorosamente con il marchio Made in Naples.

Serate come questa sono un toccasana per l’anima. Vedere quanto sia ben radicata nei cuori delle persone la buona musica, la musica poetica napoletana costituisce uno sprone a chi, come me, da anni è in prima linea per la valorizzazione, la diffusione di questo smisurato ed ineguagliabile patrimonio storico, culturale e sociale. Per tali ragioni abbiamo deciso di omaggiare con una targa tutte quelle personalità che condividono queste passioni e lavorano dando il proprio apporto umano e professionale in tale direzione” ha commentato Armando De Rosa, presidente della Pro Loco di Villaricca e pioniere nell’istituzione del “Premio Villaricca Sergio Bruni-La canzone napoletana nelle scuole”.

Tra le fila del parterre delle personalità invitate allo spettacolo, il vice presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Mimmo Falco, Tommaso Di Nardo, da sempre sensibile alle progettualità di valorizzazione del nome e della memoria di Sergio Bruni sia da volontario della Pro Loco sia in qualità di assessore in passato al Comune di Villaricca, Salvatore Palomba, poeta, saggista e paroliere napoletano, rappresentante di un sodalizio intellettuale proprio con Sergio Bruni, Raffaele Cacciapuoti, consigliere della Città Metropolitana di Napoli (ente che ha patrocinato la due giorni musicale villaricchese) e che ha ritirato la targa destinata al sindaco metropolitano Luigi De Magistris, Mimmo Angrisano che con la sua voce porta le note bruniane nei teatri per il mondo.

A consegnare le targhe, Annamaria Porcelli, consigliere comunale del parlamentino villaricchese e da anni esempio di dedizione ed impegno, nel dare risalto e lustro alla poesia ed alla maestria di Sergio Bruni assurto a genius loci di questi territori all’ombra del Vesuvio.

Un impegno sottolineato anche dalla madrina della serata, Adriana Bruni. Attimi di profonda commozione in due fuoriprogramma sospinti dagli applausi incitanti del pubblico: uno spettacolo nello spettacolo prima con i versi di “Nu cielo piccerillo” di Salvatore Palomba decantati dallo stesso autore e quindi con le rime di “Che le conte”, di Palomba e Bruni, magistralmente interpretata da Mimmo Angrisano.