Log in
14-Dec-2017 Aggiornato alle 19:35 +0100

#MAIPIÙCYBERCRIME: incontri presso le due sedi della Don Salvatore Vitale

#MAIPIÙCYBERCRIME: incontri presso le due sedi della Don Salvatore Vitale foto: Giovani reporter

Il primo incontro celebrato il 5 dicembre presso la succursale in via Madonna del Pantano e il 7 dicembre previsto presso la sede centrale di Lago Patria.

GIUGLIANO - Il 05/12/2017 presso la S.M.S Don Salvatore Vitale si è tenuto un incontro per informare le famiglie sulla nuova legge del cyberbullismo e per guidare i ragazzi ad un uso corretto dei social.

Carolina Picchio era intontita dall’alcol quando alcuni “amici” la filmarono e fotografarono, mimando su di lei atti sessuali, per poi divulgare tutto on line, al solo scopo di denigrarla, esponendola alla vergogna di una pubblica piazza, quella dei social.

Aveva 14 anni nel gennaio del 2013, quando decise di farla finita. La sua ex professoressa Elena Ferrara, parlamentare, ed il suo papà, Carlo, da questa tragica storia hanno fatto nascere questa nuova legge, 71/2017. Questa legge assicura ai ragazzi, alle scuole e alle famiglie più strumenti per prevenire e contrastare i “cyberbulli”.

Ѐ stata presa in considerazione anche l'idea di realizzare un "osservatorio" formato da soli volontari di genitori, docenti ed alunni, dove verrebbero controllati i gruppi social o le chat contenenti foto di ragazzi o persone all’oscuro di tali pubblicazioni non autorizzate, avvisando i legittimi proprietari, i quali, proprio grazie alla legge 71, possono chiederne l’immediata rimozione.

Lo spirito animatore della legge è stato compreso? Vendetta, repressione o prevenzione?

“Se hanno elaborato le loro colpe sarà un bene condividerle con gli adolescenti nelle scuole. Questo sarà il loro percorso alternativo al carcere, quando li sentirò parlare sinceramente del male che hanno fatto, saprò che hanno capito davvero…”, queste le parole di Carlo sui carnefici di sua figlia Carolina. Ѐ un grido di dolore, non di vendetta.

È stato un incontro molto significativo, toccante soprattutto per il video della Polizia Postale, uno stralcio del video nel servizio dei Giovani Reporter, dove vengono ricostruiti due esempi di ricatto online, un illecito commesso da vere e proprie organizzazioni criminali che assoldano giovani che si fingono corteggiatori giusto per convincere l’ingenuo adolescente ad inviare foto sessualmente esplicite di sé, per poi minacciarlo di divulgare tutto sui social se non viene versata nell’immediatezza una determinata cifra. Una rete piena di insidie da cui è possibile difendersi.

Giovani Reporter "Don Vitale"

Il progetto si pone come continuazione di un percorso di Giornalismo ambientale che ha visto gli alunni partecipi nello studio e raccolta di documentazione affidabile per restituire valore scientifico alle notizie riguardanti la cosiddetta Terra dei Fuochi (inquinamento, falde acquifere, salubrità dei prodotti agricoli, tutela e vigilanza del territorio).

L’input è il territorio di Licola, Varcaturo e Lago Patria, nelle sue criticità, da evidenziare in vista di ipotesi risolutive e mai di sterile denuncia da scoop, e nelle sue potenzialità da valorizzare.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.