Log in
23-Nov-2017 Aggiornato alle 9:02 +0100

Calvizzano, questione avviso di garanzia. Salatiello: «Ho ricevuto un semplice atto di elezione di domicilio»

La vicenda di Giuseppe Salatiello ha fatto il giro del web non solo e rischia di non esaurirsi così semplicemente, visti i risvolti spiacevoli avvenuti tra la stampa e il Sindaco.

I fatti dai quali è scaturita tutta la polemica di questi giorni, come lo stesso Primo cittadino calvizzanese ci ha spiegato al telefono, partono dal Consorzio Cimiteriale con il Comune di Mugnano di Napoli, nell'ambito del quale il Comune di Calvizzano paga le quote per i servizi espletati. L'accusa però riguarda la cifra appostata per il bilancio di previsione 2013.

Per avere notizie in merito abbiamo contattato telefonicamente Salatiello, che ha smentito circa la ricezione dell'avviso di garanzia: «Ho ricevuto un semplice atto di elezione di domicilio che può essere tutto tranne che un avviso di garanzia. L'avviso di garanzia consiste in una comunicazione scritta che arriva a mezzo raccomandata dal pubblico ministero alla persona interessata, all'interno della quale sono indicati fatti e reati».

«Dovrei essere accusato – continua il Sindaco al telefono – perché nel bilancio di previsione del 2013 ho appostato una cifra inferiore. Naturalmente ciò non è vero».

Coloro che in esclusiva hanno pubblicato la notizia, attraverso un giusto lavoro di inchiesta, sono certi dei documenti in loro possesso e delle loro fonti difendendo, in maniera del tutto legittima, il loro operato.

Salatiello, d'altro canto, ha fatto affiggere manifesti in tutta la città per portare a conoscenza che la notizia apparsa su tale vicenda è priva di fondamento: «Non avrei fatto affiggere manifesti se non fossi stato sicuro del contenuto». «Ho dato incarico ai miei legali – continua al telefono – di intraprendere ogni azione a tutela della mia persona e dell'Ente che rappresento».

Questo l'ultimo atto di una storia che speriamo non si concluda con tristi epiloghi. Qualora Salatiello, effettivamente, abbia responsabilità in questa vicenda, partita dalla denuncia di Biagio Sequino per la quale il Primo Cittadino ha ricevuto la comunicazione di elezione di domicilio, sarà l'autorità giudiziaria ad accertarlo.

Vincenzo Perfetto

Direttore Editoriale

Sito web: www.puntomagazine.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.