Log in
20-Aug-2018 Aggiornato alle 17:06 +0200

Spacciavano crack su via Arno a Melito: arrestati

I due un 52enne di Melito e un 34enne di Scampia lavoravano in tandem con compiti ben definiti.

Arrestati e tradotti in carcere un 52enne di Melito e un 34enne di Scampia entrambi già noti alle Forze dell'Ordine. I due sono stati notati dai Carabinieri della Tenenza di Melito su via Arno nel corso di un servizio di osservazione per contrastare lo spaccio di droga. I due "lavoravano" in tandem: il 34enne si occupava di indirizzare gli acquirenti e provvedeva ad incassare i proventi illeciti, mentre il 52enne elargiva le dosi.

Leggi ancheMELITO, SPACCIAVA CRACK: ARRESTATO 

Bloccati e perquisiti dai militari dell'Arma sono stati trovati in possesso di due bussolotti di crack del peso complessivo di circa 2,7 grammi. Nelle tasche del 52enne melitese sono stati trovati 292 euro, mentre 200 euro in quelle del 34enne.

Nel corso dell'attività sono stati identificati anche due assuntori di 38 e 32 anni che avevano acquistato una dose di crack ciascuno: entrambi sono stati segnalati alla Prefettura di Napoli. A diffondere l'intervento una nota del Comando Provinciale Carabinieri Napoli.

Qualiano, picchia sua madre per 100 euro: arrestata

Da diversi mesi andavano avanti le violenze. La 44enne è stata arresta dopo un breve colluttazione con i Carabinieri.

I Carabinieri dell’aliquota Radiomobile di Giuliano hanno arrestato per tentata estorsione continuata e per violenza e resistenza a pubblico ufficiale una 44enne di Qualiano già nota alle FFOO e affetta da disturbo di personalità che nell’abitazione della madre 65enne aveva minacciato di morte la genitrice per poi aggredirla fisicamente con lo scopo di costringerla a consegnare 100 euro.

Leggi anche:QUALIANO: MITRAGLIETTA, CANNE MOZZE E BOMBA A CASA DI PERSONAGGIO CONTIGUO AI "MALLARDO"

La donna è stata bloccata ma solo dopo una breve colluttazione.

Subito dopo i militari hanno accertato che poneva in essere analoghi comportamenti da diversi mesi. L’arrestata è in attesa rito direttissimo.

Marano, 15enne picchia mamma e sorella

Non era la prima volta che il 15enne si lasciasse andare a tali condotte. I Carabinieri lo arrestano e portano in una struttura per minori.

I Carabinieri dell’aliquota Radiomobile di Marano hanno arrestato un 15enne del luogo già noto alle FFOO. I militari dell’Arma sono intervenuti d’urgenza nella sua casa in via Mallardo ove il giovane, in forte stato di agitazione e per futili motivi, aveva minacciato e picchiato la madre 54enne e la sorella 16enne procurando loro lesioni.

Leggi ancheMARANO, MINACCIAVANO RISPETTIVAMENTE LA MOGLIE E MADRE

Le vittime sono ricorse a cure nell’Ospedale di Giugliano. I medici hanno loro diagnosticato “contusioni multiple” guaribili in giorni 3 e 7 giorni.

Nel corso di approfondimenti è emerso che il 15enne non era nuovo a tali condotte e che era già stato più volte denunciato dai familiari per maltrattamenti in famiglia ed estorsione tra maggio e luglio. L’arrestato è stato portato in una struttura ricettiva a disposizione dell’AG minorile.

Giugliano, ecco il potenziamento delle linee urbane

Dal primo Agosto avviate a titolo sperimentale due nuove linee di trasporto.

A seguito di un nuovo appalto del Servizio di Trasporto Pubblico Locale (TPL), iniziato, in via sperimentale, in data 01.04.2018, e che prevede un grandissimo miglioramento di tale Servizio, con un fortissimo incremento del numero di tratti coperti, del numero di corse e del numero di chilometri complessivamente percorsi, ogni anno, dalle linee comunali - a partire dal 1° Agosto, l'Amministrazione comunale di Giugliano in Campania ha avviato, sempre a titolo sperimentale, due nuove Linee di Trasporto.

La prima (Linea 8) è una versa e propria "Linea Circolare" a esclusivo servizio della zona costiera che, finalmente, vede soddisfatte tanto le proprie esigenze di Trasporto "interno" (vale a dire, delle utenze poste all'interno delle zone direttamente servite dalle navette e nelle loro immediate vicinanze), tanto le esigenze di collegamento da e verso Napoli, tanto quelle di collegamento col centro storico di Giugliano in Campania.

Il percorso seguito da tali navette (che avranno, quali capolinea, da un lato la Piazza Cristoforo Colombo, sita a Licola, e, dall'altro, la Stazione della Circumflegrea di Cuma, a sua volts sita a poche centinaia di metri dal depuratore di Cuma) è illustrato sia nella planimetria di Fig.1a sia nello schema funzionale di Fig.1b.

 

Fig 1a

 

Fig 1b

La seconda linea di trasporto (la Linea 9) cerca invece di affrontare e risolvere l'annoso e importante tema del collegamento funzionale e sistematico tra la zona costiera, la zona a ridosso di via San Francesco a Patria e il Centro Storico di Giugliano in Campania, attestandosi, come Capolinea, da un lato, alla Stazione della Metrocampania Nord-Est di via Colonne e, dall'altro, a Piazza Cristoforo Colombo, dive avverrà l'interscambio e il trasbordo dei passeggeri della Linea 8 sopra indicata, avendo altresì cura di stazionare in corrispondenza della Stazione Giugliano-Qualiano delle Ferrovie dello Stato, sita in località Ponte Riccio, in modo da garantire anche agli utenti diretti o provenienti dalle zone di Napoli, Pozzuoli, Quarto, Villa Literno, Formia e Roma di potersi avvalere del Servizio di Trasporto Pubblico Locale senza dovere utilizzare mezzi privati.

I percorsi seguiti da tale Linea sono riportati nella planimetria di Fig.2a e nel corrispondente schema funzionale di Fig.2b.

Fig 2a

 

Fig 2b

Il Sindaco Antonio Poziello, intervenendo sull'argomento, afferma che "Finalmente, grazie ai numerosi sforzi profusi da questa Amministrazione, che ha intensamente e proficuamente lavorato, sin dai primi istanti dal proprio insediamento, sul delicato e avvertito tema dell'efficientamento e dell'estensione del Servizio di Trasporto Pubblico Locale, il territorio comunale di Giugliano può cominciare a godere di un sistema di trasporti sufficientemente moderno e capillare, e in grado di venire finalmente incontro alle esigenze di mobilità di vastissime fasce della popolazione. Pensionati, lavoratori, studenti e turisti potranno finalmente godere di un Servizio di Trasporto Pubblico efficace ed in linea con i tempi".

A sua volta, il Vicesindaco Domenico Pianese, con Delega alle Reti (tra le quali, per l'appunto, quelle di Trasporto), nell'esprimere tutta la sua più viva soddisfazione sull'avvio del nuovo Servizio di Trasporto Pubblico Locale, da lui fortemente propugnato per la sua indubbia ricaduta sociale, afferma "Il nuovo Servizio di Trasporto Pubblico Locale messo a punto a partire fall'estate del 2015, fortemente voluto dall'attuale Amministrazione, è un ulteriore e fondamentale passo nella direzione della creazione di una moderna e operosa Città, veramente degna di questo nome e non solo frutto di uno scriteriato e squilibrato processo di antropizzazione, quale quello cui si è avuto modo di assistere negli ultimi trent'anni, e che tanti scompensi sta comportando sull'intero tessuto sociale".

A sua volta, l'Assessore Carla Rimoli, con Delega alla Fascia Costiera, intervenendo sulla fase di sperimentazione da poco avviata in relazione al nuovo Servizio di Trasporto Pubblico Locale, indica come "l'avvenuta estensione e razionalizzazione di tale Servizio, fortemente voluto dall'attuale Amministrazione anche al costo di sacrificare altri servizi, costituisca un passo importantissimo passo nella direzione di munire dei servizi essenziali la fascia costiera, e di porre al centro delle ipotesi di un equilibrato e sostenibile sviluppo dell'intero territorio comunale proprio la zona litoranea, con collegamenti pubblici che, grazie alla presenza e all'inteliggente sfruttamento di ben tre stazioni ferroviarie (quella della Circumflegrea di Cuma, quella delle Ferrovie dello Stato di Ponte Riccio e, infine, quella dell'EAV-MetroCampamia Nord-Est di Giugliano Centro, ndr) possano garantire il soddisfacimento delle esigenze di mobilità non solo da e per il Centro Storico di Giugliano ma anche da e per diverse zone di Napoli e del suo hinterland, nonché dei centri abitati posti lungo la tratta ferroviaria Giugliano-Formia-Roma e viceversa".

Infine, il Sindaco Poziello, a chiusura del suo intervento, annuncia che "Sarà cura dell'Amministrazione, alla fine di questa prima fase sperimentale - che si completerà nei primi giorni del mese di settembre - presentare al pubblico, attraverso un'adeguata campagna informativa preceduta da una specifica Conferenza Stampa, le varie possibilità offerte dal Nuovo Servzio di Trasporto Pubblico Locale, unitamente al nuovo Orario Ufficiale valido per il periodo Autunno-Inverno 2018-19".

Giovanissimi melitesi gratis in piscina: ecco come partecipare

Le domande per la Colonia estiva organizzata dal comune potranno essere scaricato del sito del comune o presso i Servizi Sociali.

Dal 20 agosto i giovanissimi melitesi di età compresa tra i 6 ed i 13 anni potranno partecipare gratuitamente alla colonia organizzata dal Comune di Melito. A renderlo noto sono il sindaco Antonio Amente ed il suo vice, l'assessore ai Servizi sociali, Luciano Mottola.

I giovani potranno recarsi presso una struttura balneare per dieci giorni dove riceveranno colazione, pranzo e spuntino prima del rientro a Melito. La partenza avverrà ogni giorno dal Municipio in via Salvatore Di Giacomo.

Leggi ancheMELITO, SPACCIAVA CRACK: ARRESTATO

L'iniziativa è rivolta ai piccoli che non hanno possibilità di andare in vacanza o che in questo periodo si trovano in città. Pertanto sarà data precedenza a coloro i quali hanno un reddito minore, in caso che le domande superino i posti disponibili.

Per partecipare è possibile scaricare la documentazione sul sito ufficiale dell'Ente o recarsi presso gli uffici dei Servizi sociali dell'Ente. C'è tempo sino all'inizio della prossima settimana per presentare domanda.

Melito, spacciava crack: arrestato

Carabinieri arrestano un 44enne

Melito di Napoli. I Carabinieri della Tenenza di Melito di Napoli hanno arrestato C.O. un 44enne del posto già noto alle FFOO. L’uomo è stato notato mentre effettuava cessioni di droga a vari acquirenti nel corso di un servizio d’osservazione predisposto tra i caseggiati di edilizia popolare in via Arno.

Leggi anche: MELITO, OPERARIO DELLA AMERICAN LAUNDRY MINACCIA DI LANCIARSI NEL VUOTO

I militari l’hanno bloccato e sottoposto a controllo, trovandolo in possesso di 3 dosi di crack e della somma di 660 euro in denaro contante. Dopo le formalità rito in caserma è stato tradotto ai domiciliari in attesa di rito direttissimo.

Qualiano: mitraglietta, canne mozze e bomba a casa di personaggio contiguo ai "Mallardo"

Carabinieri arrestano un 30enne

Qualiano. I Carabinieri della Stazione di Qualiano hanno arrestato per detenzione di armi e munizioni da guerra e di ordigni esplosivi artigianali A.G. un 30enne del luogo già noto alle FFOO ritenuto contiguo al clan camorristico dei “Mallardo” operante a Giugliano in Campania e comuni limitrofi per il controllo degli affari illeciti. Il 30enne, già ai domiciliari per rapina, nel corso di perquisizione locale nella sua abitazione di residenza è stato sorpreso a detenere 3 cartucce calibro 7,65, una calibro 12 e una calibro 9. I militari a qual punto hanno esteso la perquisizione a un appartamento disabitato all'ultimo piano dello stabile, risultato in uso all'uomo, all’interno del quale è stata trovata una pistola mitragliatrice skorpion calibro 7,65 e 18 cartucce nel caricatore, un fucile a pompa calibro 12 senza matricola e 14 cartucce, 21 cartucce miste, tra calibro 7,65 e 9.

Leggi anche: COMMEMORAZIONE DELLE VITTIME DELLE MAFIE A QUALIANO: UN SUCCESSO

Rinvenuto e sequestrato anche un ordigno esplosivo realizzato con l’unione di 3 grossi artifizi pirotecnici di fattura artigianale per la rimozione in sicurezza del quale sono dovuti intervenire gli artificieri antisabotaggio del Comando Provinciale di Napoli i quali, dopo le necessarie indagini tecnico-scientifiche, lo hanno fatto brillare in sicurezza su area protetta. Mentre proseguono le attività investigative le armi sono state inviate al RIS di Roma per accertamenti dattiloscopici e balistici e l’arrestato è stato tradotto nella Casa Circondariale di Poggioreale.

Mugnano, acquisite le aree Eav ricadenti sul territorio cittadino

Sarnataro: "Andiamo a risolvere un problema che affliggeva diverse zone di Mugnano da oltre trent'anni"

MUGNANO – Risultato storico dell’Amministrazione Sarnataro, acquisite le aree Eav ricadenti sul territorio cittadino. L’importante provvedimento, che sarà votato questa sera in Consiglio comunale, prevede che le aree dismesse dell’Ente Autonomo Volturno saranno concesse al Comune a titolo gratuito per un periodo di 12 anni.

Le zone interessate sono quelle facenti parte del tracciato dell’ex Alifana, comprensiva quindi di un tratto di via Granata – spiega l’assessore agli Affari Legali Vincenzo Massarelli Inoltre andremo ad acquisire l’area sovrastante l’attuale linea della metro che da Mugnano porta a Scampia. Abbiamo stipulato quest’accordo con l’Eav affinchè queste arterie non fossero abbandonate all’incuria e al degrado. Ringrazio il consigliere regionale Franco Moxedano che ci ha coadiuvato in tutte le  fasi della trattativa”.

In questa convenzione viene stralciato, inoltre, il debito che il Comune di Mugnano aveva nei confronti dell’Eav per la realizzazione di un tratto di via Granata, con un risparmio di oltre 50 mila euro. “Si tratta di un risultato eccezionale – dichiara il sindaco Luigi SarnataroAndiamo a risolvere un problema che affliggeva diverse zone di Mugnano da oltre trent’anni, come via Granata, via Crispi, via Aldo Moro. Un provvedimento di particolare  importanza anche per i residenti di via Sansone: nel prossimo futuro la nostra intenzione è quella di dichiarare la strada di pubblica utilità così come Comune potremo intervenire direttamente per gli interventi di pulizia, pubblica illuminazione e manutenzione stradale. In più sulle aree dismesse vorremmo andare a realizzare la pista ciclopedonale così come da impegni presi in campagna elettorale”.

Giugliano calcio, che colpo: arriva Caso Naturale

Giugliano L’FC Giugliano 1928 è lieta di annunciare un colpo formidabile per la categoria, strappato ad alcune delle più importanti squadre della Serie D, attenzionati da club blasonati anche dei professionisti. L’ennesimo grande sforzo del presidente Salvatore Sestile fa tremare le gambe dei giuglianesi, perché con caparbietà, dopo una trattativa lunghissima visto il livello del calciatore, si è riusciti a portare a casa la firma di Vincenzo Caso Naturale.L’FC Giugliano 1928 è lieta di annunciare un colpo formidabile per la categoria, strappato ad alcune delle più importanti squadre della Serie D, attenzionati da club blasonati anche dei professionisti. L’ennesimo grande sforzo del presidente Salvatore Sestile fa tremare le gambe dei giuglianesi, perché con caparbietà, dopo una trattativa lunghissima visto il livello del calciatore, si è riusciti a portare a casa la firma di Vincenzo Caso Naturale. Vincenzo Caso Naturale, un finalizzatore puro, ma anche un’ala, un regista offensivo, un attaccante che pressa. CN7 sta modificando l’idea di “centravanti” anche tra i dilettanti, perché è il prototipo dell’attaccante moderno, in una categoria che storicamente predilige il centroboa.

Leggi anche: GIUGLIANO, ARRIVA LA CILIEGINA SULLA TORTA: ANTONIO TARASCIO

Caso Naturale è stato il miglior giocatore di tutto il campionato, attirando su di sé le sirene della Serie C, perché a 28 anni, dopo i 27 gol fatti nell’ultima stagione, l’Italia non poteva più restare a guardare ma il presidente Sestile ci ha visto lungo e ha corteggiato il calciatore già dai primissimi giorni che hanno seguito la fine del campionato. CN7 è arrivato a Giugliano con la voglia di stupire, di sognare e di portare questa squadra molto in alto. La dirigenza dell’FC Giugliano 1928 è entusiasta di accogliere il nuovo tigrotto e non vede l’ora di vederlo all’opera dal 6 agosto, data di inizio del ritiro precampionato, insieme a tutti gli altri.

Polemiche su apertura Sprar, Sarnataro: "Accuse false e disinformazione"

Il Sindaco: "Al fango rispondiamo con i fatti: stiamo cambiando il volto di Mugnano". 

MUGNANO 29 luglio 2018 - In merito alla polemica sull'apertura dello Sprar da parte dell'opposizione, riportata su diversi organi di stampa, il sindaco Luigi Sarnataro chiarisce quanto segue: "Ancora una volta non avendo argomenti validi per contrastare in modo serio una delle amministrazioni più trasparenti  e concrete nella storia di questo comune, qualcuno - senza avere neanche il coraggio di metterci la faccia - prova a gettare fango sulla mia reputazione, insinuando una presunta vicinanza con le cooperative che si sono aggiudicate la gestione dello Sprar. Le tesi sostenute non solo sono false, ma anche tendenziose. E' evidente che chi le fa appartiene a quella vecchia classe politica affaristica che, fortunatamente per la nostra città, è stata sonoramente bocciata alle ultime elezioni comunali. Raggiunti informalmente, nessun consigliere comunale di opposizione al momento sembra saper nulla di questo comunicato stampa a dir poco infamante per la mia persona e per il quale adirò per le vie legali. Ma allora chi lo ha scritto? Se ha gli attributi, è pregato di rivendicarlo. Entrando nel merito della questione sollevata -continua il primo cittadino - in primis va specificato che proprio diversi consiglieri della minoranza hanno richiesto con forza l'apertura in tempi brevi del progetto Sprar, consapevoli che fosse l'unico modo per evitare l'arrivo sul nostro territorio di nuovi centri di accoglienza straordinaria e di conseguenza l'arrivo di nuovi migranti. Ciò che non si dice abbastanza - o che si dimentica di dire - infatti è proprio questo: il progetto Sprar è rivolto alle persone già ospiti nei centri di accoglienza aperti dalla prefettura in città. Il sottoscritto, in qualità di rappresentante legale dell’Ente e quindi titolare del progetto Sprar collabora ovviamente, e come è normale e giusto che sia, con i partner per la buona riuscita del progetto. Ricordo inoltre che le cooperative oggetto della polemica e delle false accuse sono le uniche ad essersi presentate alla manifestazione di interesse per la realizzazione dello Sprar, bandita in maniera regolare e trasparente dal Comune. Sembra strano che un "business così appetitoso" - come è stato definito - abbia visto un unico soggetto interessato. Addirittura 2 anni prima, la manifestazione d’interesse andò deserta, tanto erano gli interessi in gioco.  È evidente che l'unico obiettivo è disinformare e confondere i cittadini.

Leggi anche: MUGNANO, DOMANI ALL'AUCHAN ARRIVA BRIGA PER PRESENTARE IL SUO NUOVO ALBUM

Sia ben chiaro: nè il sottoscritto nè alcun esponente della mia amministrazione è in alcun modo riconducibile ai partner del progetto. Anzi dirò di più, alcuni consiglieri di opposizione continuano a chiederci di aumentare il numero di ospiti dello Sprar, per continuare a svuotare i centri di accoglienza. Benissimo, lodevole, eppure chissà come mai le loro proposte vengono fatte nell'ombra, mai pubblicamente. Come mai? Iniziassero a fare queste proposte pubblicamente e saremo ben lieti di valutarle. L’inaugurazione dello Sprar - conclude Sarnataro - è avvenuta in pompa magna proprio perché non c’è nulla da nascondere. Quello dell'opposizione è un triste tentativo di distogliere l'attenzione dalle numerose opere pubbliche che stiamo realizzando a Mugnano. Basti pensare che solo la prossima settimana inauguriamo la nuova area cantiere dell’isola ecologica e riapriamo definitivamente la Villa comunale di via di Vittorio, abbandonata per anni al degrado e all'incuria. Stiamo cambiando completamante il volto della scuola Sequino, con la realizzazione di nuovi parcheggi, e mettendo in sicurezza le arterie più pericolose della nostra città. Sfido chiunque a trovare un altro comune del circondario che, in tempi così difficili, ha aumentato la differenziata e ha ABBASSATO LE TASSE ai cittadini. Le parole, il fango lo lasciamo a loro, noi preferiamo dare ai cittadini i FATTI".

Sottoscrivi questo feed RSS