Log in
19-Jul-2019 Aggiornato alle 4:57 +0200

Giugliano e stoccaggio rifiuti: su CRC Poziello durissimo con ASIA e Città di Napoli

Nella trasmissione radiofonica Barba e Capelli di Radio CRC condotta da Corrado Gabriele, scontro tra Poziello e Iacotucci.

Puntata infuocata quella della trasmissione Barba e Capelli in onda sull’emittente radiofonica CRC Targato Italia e condotta da Corrado Gabriele. Ospiti in studio il Sindaco di Giugliano Antonio Poziello, il Dr. Francesco Iacotucci, Amministratore unico di ASIA Napoli e il Dr. Gabriele Gargano, Amministratore Delegato di SapNa.

Leggi ancheGIUGLIANO, CONTROLLI AMBIENTALI: NUOVO BLITZ DELLA POLIZIA MUNICIPALE AGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI

Sono bastati pochi minuti per entrare nel vivo del problema passando attraverso un confronto tra il Sindaco Poziello e Gargano di SapNa, dove il primo cittadini di Giugliano ha messo in discussione il ruolo di SapNa, mentre Gargano ha spiegato che bisognava trovare i siti di stoccaggio in vista della chiusura provvisoria del termovalorizzatore. Gargano ha dichairato di averne individuati sei tutti sul territorio di Giugliano.

Questo, forse, il passaggio che ha innescato il Sindaco Poziello il quale ha riportato che Giugliano ha accettato un impianto di Trattamento Meccanico Manuale delle Ecoballe solo per smaltire quelle presenti sul territorio, ma certamente la città non si è resa disponibile ad accettarne altre.

L’intervento però che ha innescato la dura reazione del Sindaco di Giugliano è stato quello di del dr. Iacotucci che, durante i primi 15 giorni di luglio, periodo in cui si svolgevano le Universiadi, ha dichiarato di aver potuto conferire presso gli stir 620 tonnellate in meno di rifiuti i quali sono stati portati presso il sito di stoccaggio di rifiuti provvisorio di Napoli nella zona di San Giovanni con un dispendio di costi.

Iacotucci ha proseguito il suo discorso con un raffronto con Giugliano che nello stesso periodo ha conferito 180 tonnellate in più con un incremento di rifiuti del 25%, paventando una sofferenza del Comune di Napoli che si accollerebbe parte del problema e rimarcando il fatto che la Città di Giugliano, che ha sul suo territorio l’impianto Stir, abbia la precedenza nel conferimento dei rifiuti.

Parte da sola la replica del Sindaco Poziello che ha invitato il dr. Iacotucci a visitare il sito, poi definendosi l’ospite che sopporta il fastidio mal volentieri, è arrivato ad auspicare che il Sindaco di Napoli ed Asia costruiscano il loro impianto stir a Napoli considerando anche un termovalorizzatore solo per il capoluogo campano.

Non solo Poziello ha attaccato duramente spiegando che raccontare di aver costruito un sito di trasferenza in una città che da sola ha oltre 900mila abitanti rappresentano un sesto della popolazione Campana e oltre un terzo della popolazione della Provincia è veramente fuori luogo. Il primo cittadino di Giugliano ha proseguito il suo ragionamento accusando, inoltre, la città di Napoli di aver distribuito rifiuti sull’intero territorio per quarant’anni. Ma è intervenuto di nuovo Iacotucci asserendo che Pianura ha accettato i rifiuti di tutta la Campania per cinquant’anni e Poziello ha fatto notare che non sono quelli dell’area nord.

Poziello davanti a tale affermazione ha inasprito i toni e ha raccontato che la sola citta di Napoli conferisce su tre impianti Tufino, Caivano e Giugliano, che si fanno carico dei problemi del capoluogo. Non solo il Sindaco di Giugliano ha individuato come punto debole del sistema di gestione dei rifiuti in Campania proprio il Capoluogo

Non si è fatta attendere la risposta dell’amministratore di Asia che ha ripartto i risultati della città di Napoli che tutti avrebbero riconosciuto tranne Poziello.

Dopo un breve intervento di Gargano di Sapna, il dr. Iacotucci ha spiegato che, con l’entrata in vigore degli ATO, Napoli non conferirà più a Tufino e Giugliano ma solo e questo non dovrebbe far gioire i cittadini perché gli impianti in seguito diventeranno un costo.

Termina la trasmissione con un nuovo appuntamento per approfondire il tema.

Ringraziamo il direttore responsabile di CRC Mariano Fellico per aver acconsentito all'uso della registrazione.

Mugnano, il sindaco sulla Tari: "Parte dell'opposizione pecca di incoerenza"

Sarnataro: "Più facile criticare sui social che proporre soluzioni adeguate"

MUGNANO – "Ribadisco, come già detto più volte, che nell'arco di due anni (2017 - 2019) abbiamo abbassato la tassa sui rifiuti. Non uno slogan, non semplici parole, ma fatti. Chiunque infatti può verificare facilmente questo dato, confrontando la bolletta del 2017 con quelle del 2018 e 2019. Mi fa sorridere quindi quella parte di opposizione che qualche mese fa chiedeva che l'eventuale aumento non interessasse unicamente i commercianti ma bensì tutti i residenti. Una richiesta che, in parte, abbiamo voluto accogliere. Eppure ora che è arrivata la Tari, quella stessa opposizione - che ci ha chiesto di aumentare ai residenti – adesso si lamenta del 2% in più sul 2018 che è comunque pari al meno 3 per cento rispetto al 2017. Mi sarei aspettato almeno un po' di coerenza se proprio non si vuole avere onestà intellettuale. Con rammarico devo invece constatare che si tenta in modo maldestro di cavalcare, di volta in volta, qualche malumore a seconda della convenienza e del momento. Del resto criticare sui social è facile, eppure non ho mai sentito quegli stessi consiglieri proporre soluzioni adeguate”.

Qualiano, rifiuti ingombranti abbandonati in Via Palumbo e in Via dalla Chiesa

Giunge in redazione la segnalazione di un cittadino che passano sulla zona ha notato rifiuti

Ci è giunta in redazione l’ennesima segnalazione dei cittadini qualianesi, in quanto esasperati per le condizioni di alcune vie della città di Qualiano. Una delle vie segnalate è via Generale Carlo Alberto dalla Chiesa dove giace li da diversi mesi un divano tra la vegetazione tagliata e lasciata a terra.

Leggi anche: QUALIANO, SCRICCHIOLA LA MAGGIORANZA: ONOFARO E IUFFREDO PASSANO AL GRUPPO MISTO

Mentre l’altra strada segnalata è via Avvocato Antonio Palumbo dove la situazione persiste ormai da tempo. Anche li vi si trova un divano abbandonato, da persone incivili, da diverso tempo.

È da notare che pure passando per la raccolta dei rifiuti il personale della multiservizi o chi di dovere non noti queste criticità che, invece, vengono notate molto spesso dai cittadini.

Ormai alcune strade della città di Qualiano stanno diventando una discarica a cielo aperto per via di cittadini scorretti che lasciano pattume li dove capita e personale addetto alla raccolta che non sempre riesce a essere presente tempestivamente.

Giugliano, controlli ambientali: nuovo blitz della Polizia Municipale agli impianti di trattamento dei rifiuti

I controlli sono stati disposti dallo stesso Sindaco dopo le segnalazioni dei cittadini che avvertivano forti miasmi. 

Controlli presso impianti di trattamento di rifiuti sono in corso da parte della Polizia Municipale di Giugliano, nell’area Asi di Ponte Riccio.

Leggi ancheGIUGLIANO, CITTÀ METROPOLITANA: "NON INDIVIDUATO ALCUN SITO PROVVISORIO PER STOCCARE I RIFIUTI"

A darne notizia lo stesso Sindaco, Antonio Poziello, che era presente sul posto.I controlli erano stati disposti dal Primo cittadino dopo le segnalazioni di cittadini della zona, allarmati per la presenza di forti miasmi.

Qualiano, scricchiola la maggioranza: Onofaro e Iuffredo passano al gruppo misto

Dopo le parole grosse volate, Forza Italia perde il Presidente del Consiglio Comunale e un Consigliere e la maggioranza diventa di fatto risicata.

Come in un puzzle ecco che tutti le tessere tornano al proprio posto. Solo qualche giorno fa scrivevamo di una lite tutta su Facebook tra il Vicesindaco Di Domenico e il Presidente del Consiglio comunale Onofaro. Ad entrambi chiedemmo spiegazioni che non vollero fornirci.

Leggi ancheQUALIANO, TERREMOTO IN FORZA ITALIA: BOTTA E RISPOSTA TRA ONOFARO E DI DOMENICO

A chiarire tutto l’arcano un protocollo diffuso oggi sui social ma che bazzica per gli uffici del Comune di Qualiano da fine giugno. Parliamo del Protocollo 10257 del 28 giugno 2019 dove si ufficializza, senza alcun dettaglio in merito alle motivazioni, il passaggio al gruppo misto di Onofaro e Iuffredo. Quest’ultima assumerà il ruolo di capogruppo.

Questa mossa fa scricchiolare la maggioranza perché, come è noto, il gruppo misto potrebbe appoggiare di volta in volta minoranza o maggioranza a meno che non vi saranno dichiarazioni diverse, ma in questo caso come il protocollo riporta si tratta del gruppo misto di Maggioranza.

Facendo un rapido conteggio: l’opposizione conta sei consiglieri, due (Iuffredo ed Onofaro) formano il gruppo misto e, per differenza, la maggioranza conta nove consiglieri compreso il Sindaco. De Leonardis dovrà quindi affrontare un nuovo problema quello della maggioranza risicata.

Qualiano, tutto pronto per il 2ª edizione del premio “19 luglio 1992, Terra Viva, dalla parte della legalità”

L'appuntamento come di consueto nella Villa comunale di Qualiano il 19 luglio alle ore 18:00.

Anche quest’anno in occasione della commemorazione della strage di via D’Amelio in data 19 luglio 2019 l'associazione “Terra Viva” assegnerà il premio in oggetto.

La cerimonia di premiazione si terrà in Qualiano (NA) presso il Monumento alla Memoria delle Vittime della riminalità organizzata, il quale si trova all’interno della villa Comunale via Avv. Antonio Palumbo, in data 19 luglio alle ore 18.

L’evento è patrocinato dal Comune di Qualiano e dalla Polizia di Stato. L'evento verrà condotto dal Giornalista professionista Peppe Iannicelli volto noto di Canale 21, dalla Giornalista professionista Barbara Pavarotti la quale tra le sue esperienze professionali ricordiamo, Giornalista presso la Rai TG 1 e Mediaset TG 5, il Professor Angelo Zanfardino responsabile dell’Ufficio Stampa dell’Associazione Terra Viva.

La 2^ edizione del premio Nazionale “19 luglio 1992, Terra Viva, dalla parte della legalità” tra gli assegnatari dei premi vede: Il Procuratore Capo della Procura della Repubblica di Catanzaro, Dott. Nicola Gratteri, il Generale di Brigata Michele Sirimarco comandante della Legione Allievi Carabinieri di Roma, il quale, a causa di pregressi impegni non potrà essere presente, Il Dott. Gaetano Pecoraro Giornalista del programma televisivo le Iene, Dott. Nicola Simone e dott. Nuccio Azzarà, sindacalisti che per primi hanno denunciato lo scandalo della sanità Calabrese. La vittima innocente della criminalità a Napoli la piccola Noemi ed i suoi genitori mamma Tania e papà Fabio, rappresentati dal loro legale Avv. Angelo Pisani, La signora Antonella Leardi, Presidente dell’associazione Ciro Vive, madre del giovane Ciro Esposito, tifoso Napoletano assassinato nel 2014 a margine di un incontro calcistico.

Numerosi saranno gli ospiti politici,della società civile tra cui La prof.ssa Maria Luisa Iavarone, Il Prof. Fulvio Gigliotti membro del CSM,il segretario dell'ufficio di presidenza della camera dei deputati Alessandro Amitrano, la senatrice Maria Domenica Castellone, la senatrice Sabrina Ricciardi, L'europarlamentare Isabella Adinolfi, la deputata Conny Giordano, l'on Edmondo Cirielli, l'associazione Partenope Unita, l'associazione Itaca ritorno allo sport, l'associazione Artur-adulti responsabili per un territorio unito contro il rischio.

Significativa la presenza degli amministratori comunali e delle giunte. Diverse saranno le presenze tra le forze dell'ordine. Nel corso della manifestazione ci saranno interventi canori tra cui il rapper Lucariello, la band El Koyote, Regina Safylle' e. Dr. CyborgSuperfunk, il Cantante Luis Grieco, La band Profilogreco.

Parteciperanno inoltre con il regista Ambrogio Crespi, El Koyote, Palù, El Barrio, Michele Sbam, Kiaman, Bleak Jack, Red Family con la canzone “Ora Basta” presentando l'omonimo progetto con il patrocinio morale della fondazione onlus “A voce d'e creature” di don Luigi Merola.

Qualiano, 1milione di euro a Società Britannica: ecco la risposta del Sindaco

Il Sindaco di Qualiano Raffaele De Leonardis approfondisce la vicenda rispondendo alle nostre domande.

Il Sindaco De Leonardis risponde duramente alla richiesta del milione di euro: si tratta di una cifra transatta a 400mila euro ed oltretrutto, come spiega il Primo cittadino di Qualiano anche pagata totalmente.

Il sindaco poi va oltre e incaricherà i legali di procedere penalmente per arrivare a ricostruire come questo questo credito transatto sia arrivato a società britanniche che sembrano non aver nulla a che fare con l'ogetto sociale della Formass da cui parte tutto.

Di seguito la video intervista

Giugliano, Città Metropolitana: "Non individuato alcun sito provvisorio per stoccare i rifiuti"

Poziello: "Si ritiri la richiesta di autorizzazione e la Conferenza dei servizi del 25 luglio".

Dopo le polemiche e le azioni successive alla volontà di aprire un sito provvisiorio di stoccaggio a Giugliano da utilizzare nei 35 giorni di chiusura del termovalorizzatore di Acerra, Città metropolitana rilascia la seguente nota stampa. 

Leggi ancheCONTROLLI DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI GIUGLIANO, SEQUESTRATA “CAVA GIULIANI”

"La Città Metropolitana di Napoli rende noto che è in corso in questi giorni un'interlocuzione tecnica con la Regione Campania sulla problematica relativa alla manutenzione straordinaria programmata del Termovalorizzatore di Acerra. Al momento non si è ancora giunti alla definizione di alcun sito di stoccaggio da utilizzare per i 35 giorni di chiusura del Termovalorizzatore".

Con tale nota l'Ente di Piazza Matteotti, ha portato all'attenzione della cittadinanza di non essere giunti a nessuna difinizione di sito di stoccaggio provvisorio. Sono in corso, tuttavia, delle interlocuzioni tra Regione e Città Metropolitana proprio per risolvere l'emergenza.

"Prendo atto positivamente della precisazione della Città Metropolitana, relativa alla non definitiva individuazione dei siti stoccaggio provvisorio dei rifiuti. Adesso, però, l’Amministratore Delegato di Sapna ritiri la richiesta di Autorizzazione e annulli la Conferenza di servizi del 25 luglio prossimo”. Così ha commentato, in una nota inviata ai media il Sindaco di Giugliano Antonio Poziello, avanzando una nuova richiesta all'Amministratore Delegato di SapNa.

Qualiano, Società britannica chiede al Comune 1milione di euro

Torna in auge una vicenda che sembrava definitivamente conclusa: quella del FORMASS

Un’altra brutta tegola potrebbe abbattersi sul Comune di Qualiano si tratta di una sentenza che impone al Comune e quindi ai cittadini di Qualiano di pagare 1.000.011,53 euro ad una Società britannica Corsair Services LLC.

Leggi ancheQUALIANO, SI DIMETTE LA CONSIGLIERA PINA ODIERNO

La Giunta, con la delibera n° 96 deo 4 luglio 2019 pubblicata ieri all'albo pretorio, ha autorizzato a stare in Giudizio in secondo grado per evitare l’esborso di questa enorme cifra, non ancora scritta in Bilancio.

«È una brutta storia che viene dal lontano 1997 con il “Formass” – ha spegato il Sindaco De Leonardis contattato telefonicamente – il cui credito è passato di società in società in una sorta di scatole cinesi fino a finire a questa società britannica. Si arrivò, con l'Amministrazione Onofaro, ad una transazione di 400mila euro completamente pagata solo con qualche rata in ritardo. La controparte si è appellata a ciò per chiedere oltre un milione di euro. Ci siamo costituiti in secondo grado entro i termini stabiliti dalla legge per evitare l’esborso di tale cifra e, quest’ultima visto che lo chiedete, non è stata iscritta ancora nel bilancio perché non è ancora terminato l’iter processuale che la farebbe diventare, nel caso perdessimo in giudizio, un debito fuori bilancio da riconoscere. È una storia molto lunga che andrebbe approfondita».

Domattina ci vedremo con il Sindaco De Leonardis per approfondire la vicenda dato che questa storia potrebbe aggravare definitivamente la situazione del Comune di Qualiano che è ben diversa da quella in molti vogliono raccontare sui Social.

Qualiano, si dimette la Consigliera Pina Odierno

La consigliera di minoranza ha rassegnato questa mattina le sue dimissioni.

Erano nell’aria e qualcuno sommessamente già le dava per certe qualche mese fa, ma solo questa mattina la Consigliera di opposizione Pina Odierno, eletta nella lista “Obiettivo Futuro” che sosteneva la coalizione guidata da Ludovico De Luca, ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di Consigliere Comunale.

Raggiunta telefonicamente, oltre a dirsi orgogliosa di aver ricoperto l'incarico affidatole dai cittadini, ci ha spiegato che è stata una decisione molto sofferta dettata da motivi personali che la stessa non ha voluto rendere noti.

Al suo posto entrerà  l’avv. Vittorio Di Procolo primo dei non eletti nella stessa lista. L’ufficialità avverrà nel prossimo Consiglio comunale utile.

Sottoscrivi questo feed RSS