Log in
26-Sep-2017 Aggiornato alle 10:43 +0200

Arco Felice, sversamento di liquami sulla spiaggia dell'ex convitto delle Monachelle

tubazione rotta spiaggia dell'ex convitto delle Monachelle ad Arco Felice Vincenzo Perfetto tubazione rotta spiaggia dell'ex convitto delle Monachelle ad Arco Felice

Da giorni i bagnanti denunciano uno sversamento di liquami sulla spiaggia dell'ex convitto delle Moanchelle ad Arco Felice e il Wwf chiede spiegazioni al Sindaco

ARCO FELICE - Era tornata ad essere pienamente fruibile da tutti la spiaggia prospiciente l'ex convitto delle Moanchelle ad Arco Felice, ma sono bastati meno di quindici giorni per trasformare l'arenile da spiaggia pulita a fogna. Domenica 11 giugno i volontari del Wwf e dell'associazione di cicloamatori "Percorsi Cumani", nell'ambito della campagna #GenerAzioneMare, ripulirono tutta la spiaggia che è una delle poche libere nel comune di Pozzuoli e certamente una delle più comode da raggiungere, anche per chi viene da Napoli, perché è vicinissima alla fermata della Cumana di Arco Felice. La Regione Campania classifica, o meglio, classificava, nel suo bollettino del 28/02/2017 la qualità delle acque in quel tratto della costa come eccellente. Dal 18 giugno però alcuni video testimoniano che una condotta scarica, a mare, liquidi maleodoranti. L'increscioso accadimento non è stato un caso deprecabile e isolato, perché si è verificato anche nei giorni seguenti, tanto che anche il Wwf ha inviato una lettera al sindaco del Comune di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, chiedendo spiegazioni circa l'accaduto.

 lettera wwf

Ieri ci siamo recati sul posto per verificare lo stato dei luoghi e abbiamo raccolto la testimonianza di alcuni bagnanti.

Alla luce delle segnalazioni e delle testimonianze raccolte sollecitiamo le Autorità competenti ad attivarsi prontamente per accertare le cause che hanno determinato questo sversamento, affinché il "terzo paradiso" non diventi il terzo mondo: dove le persone fanno il bagno tra i liquami. 

Domenico Vigliotti

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.