Log in
25-Jul-2017 Aggiornato alle 9:25 +0200

Meglio nu Sindaco cu sole dint all'uocchie ca nu Sindaco cu nu par e dete dint e pacche!

Meglio nu Sindaco cu sole dint all'uocchie ca nu Sindaco cu nu par e dete dint e pacche! Foto: pixabay

Caro Diario,

acchesta estate anche io medesimo songo iuto ammare. Quant’è bello il ammare pecchè siamo sempe tutte e quanti assieme i 35 elementi della mia famiglia medesima. Pienza che quest’anno mi sono andato anche al lido di Gaetano Cozz e scoglio, un caro amico di zio Ciro Sputazza che cunserva sembe l’ombrellone avvicino ai ciessi e al siccchio della munnezza pecchè ci addice che è il posto migliore della spiaggia pecchè ci ha tutti i servizi vicino.

Molti politici e miei colleghi ci vanno al lido di Cozz e scoglio e si abbagnano nella mia stessa acqua marroncina che tutti quanti siamo sempe cuntenti di vedere. Spesso pazziamo ad un gioco abbellissimo pecchè cerchiamo di adduvinare chi può essere il primo che si addurmenta dopo la breve magnata fatta di mellone, maccaruni al furno con salame, murtadella, pruvulone e nu tarramoto di vino. Praticamente la salumeria che ci ho sotto casa. Chi si addurmenta poi noi tutti gli mettiamo un rito nelle pacche del culo e quello zompa all’intrasatto. E tutti quanti diciamo ca tiene la chiammata dell’addurmuto.

Tutti quanti prima o poi si adduormono ma solo il Primo cittadino, il Sindaco Parrucchino che anche per questo abbiamo fatto votare, non si addurmenta mai pecchè dice che ci ha una mossa segreta. E quest’anno, caro diario mio, che ha detto che si fa una cosa di soldi con la costruzione di nu sacco e appartamenti e su sta chiavica di spiaggia non ci viene più ma se ne va l’anno prossimo a Palma de Maiorca (che sarà una sua amica spagnola penzo), quest’anno ti dicevo mi ha ditto il segreto segretissimo.
Affettivamente io l’aggia capito, pecchè so intelligente, e mentre tutti si stavano cercando di non addurmirsi lui stava sempe a guardare il sole senza le lente nere. E talmente che lo guardava che gli scennevano le lacrime che io mi pensavo si stesso accommuovere per la buonanima del nonno e invece lui mi ha detto acchiaramente: «Uagliò mbarete na cosa: meglio nu Sindaco cu sole dint alluocchie ca nu Sindaco cu nu par e dete dint e pacche!».

Caro diario, tu sei furbo e aggia mi hai capito … anche io quest’anno è l’ultima volta che mi mettono qualcosa dietro, dall’anno prossimo faccio come Parrucchino!

Satyricon

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.