Log in
23-Apr-2017 Aggiornato alle 11:16 +0200

Dal laboratorio arriva la prima carne sintetica di pollo e di anatra

Dal laboratorio arriva la prima carne sintetica di pollo e di anatra foto: pixabay

Obiettivo primario una migliore produzione

Pillole di Scienza. Un’azienda di San Francisco Memphis Meats ha comunicato di aver ottenuto carni sintetiche di pollo e di anatra da cellule staminali del muscolo di animali coltivati in laboratorio con una tecnica simile a quella dell’Università Olandese di Maastricht che aveva prodotto la carne di manzo del 2013.

Questa importante scoperta è stata pure presentata sul sito della rivista scientifica Science che racconta anche le conseguenze di legalizzazione di tale prodotto non essendo ancora chiare le regolamentazioni di questo settore alimentare emergente e di quali istituzioni si occuperanno di sorvegliare la sicurezza questi prodotti. Per fare una polpetta o un hamburger, l’azienda americana ha usato impalcature speciali per formare filamenti di tessuto, ne servono almeno venti mila filamenti per realizzare una polpetta sintetica.

L’obiettivo primario di tale azienda è di produrre la carne in una maniera migliore, molto più sostenibile per l’ambiente con un importante salto tecnologico per l’umanità. Inoltre l’azienda Memphis Meats sta pensando di avviare la produzione di carne di vari tipi e spera di arrivare sugli scaffali di tutti i supermercati con i propri prodotti sintetici come polpette, hot dog, carne e salsicce tra circa cinque anni. Finora questi alimenti sintetici non avevano mai raggiunto il mercato ma molte aziende americane stanno cominciando a scommettere nel campo di questi nuovi cibi. Infatti, si stanno sperimentando anche le prime produzioni in laboratorio di latte e albume d’uovo da lieviti modificati geneticamente. Sarà solo importante regolare questo settore emergente nel modo più chiaro possibile con adeguate istituzioni alla sorveglianza e alla sicurezza di questi prodotti.

Dott. Giuseppe De Carlo

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.