Log in
24-Jun-2017 Aggiornato alle 8:16 +0200

Napoli, sferra un pugno ad una persona e gli porta via il cellulare: 30enne arrestato

Napoli, sferra un pugno ad una persona e gli porta via il cellulare: 30enne arrestato Foto: archivio

L'uomo si è afficinato a piedi ad una persona che parlava al cellulare in via San Carlo a Napoli e gli ha portato via il dispositivo ed è scappato. Raggiunto dalla polizia ha cercato di colpire anche gli agenti con calci e pugni.

Napoli. Il fatto è accaduto la notte scorsa del 3 aprile 2017, verso le ore 2.30 quando gli agenti dell’Ufficio di Prevenzione Generale e del Commissariato Dante di Napoli, nel corso di un normale servizio di prevenzione e controllo del territorio in via San Carlo, hanno assistito alla violenta aggressione di un cittadino da parte di uno straniero che, muovendosi a piedi, ha raggiunto la sua vittima designata che stava parlando al cellulare e gli ha sferrato un pugno alla testa, impossessandosi del telefonino per poi scappare rapidamente.

I poliziotti che avevano assistito alla rapina lo hanno inseguito prontamente e lo hanno bloccato in via Cervantes. A quel punto A.R., cittadino algerino 30enne, nel tentativo vano di opporsi all'arresto ha tentato di colpire gli agenti con calci e pugni. A fornire la notiza dell'arresto una comunicazione della Questura di Napoli

L'Autorità Giudiziaria, informata delle circostanze della rapina e dell'arresto, ha disposto l'arresto il giudizio del 30enne attraverso il rito per direttissima celebrato questa mattina. L'uomo è stato condannato a 6 anni e 6 mesi di reclusione e al pagamento di una multa di 1200 euro. Al termine del procedimento il 30enne è stato condotto presso il penitenziario di Poggioreale dove sconterà la sua pena detentiva.

 

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.