Log in
24-Jun-2017 Aggiornato alle 8:16 +0200

Qualiano, per loro davvero valiamo meno di nulla

Qualiano, per loro davvero valiamo meno di nulla Foto: pixabay

Nuova lettera del dott. Antonio Puzo nella quale offre nuovi spunti di riflessione su questioni mai chiarite e affrontate dall'Amministrazione

Credo che sia lei direttore, che gentilmente ospita i miei vaneggiamenti mentali, che l' ing. Sgariglia non riuscirete mai a comprendere quella grande verità che è nota a buona parte del paese… non siamo tutti uguali… o almeno non lo si è a Qualiano. Si vi sento che vi dibattete intellettualmente citandomi… Rivoluzione Francese… Resistenza… Repubblica… Costituzione.

Mi dispiace rassegnatevi tutto ciò si ferma nella migliore delle ipotesi su via Ripuaria... preciso… fuori dal territorio del Comune. Lo so che sopportate le mie elucubrazioni ma che ora anche voi siate tentati da dissociarvi da quella che è una verità incontrovertibile e per la stima che provo verso di voi tenterò di spiegare quello che è una realtà… a mio parere lampante.

Lo so vi illudevate che dopo l'avviso di Garanzia che ha raggiunto intera Giunta Municipale e un dipendente comunale nel dicembre 2016 in merito alla delibera di G.M. 67 del 2013, ossia per i pochi attenti “Costruzione in zona F del PRG” (in barba alla notoria bufala che avessimo un PRG a vani zero… sigh) fosse avvenuto un mutamento di rotta... illusi. Nessuno aveva compreso che il PRG era si a vani zero... ma per il volgo… ops popolo… per la famiglia reale e affini vigeva un altro strumento urbanistico alternativo.

Peccato che un Magistrato forse non cosciente che a Qualiano non vigesse l' eguaglianza Costituzionale avesse aperto un procedimento… come chiarito subito da loro… per mera curiosità intellettuale su questo particolare regime giuridico qualianese… chiedendo sempre per mera curiosità… la legittimità di un atto di competenza Consiliare effettuato invece dalla Giunta.Il problema si riassumeva nella scarsa conoscenza araldica, della mancanza di un esame sulle ascendenze nobiliari qualianesi nel ciclo di studi della facoltà di Giurisprudenza… e della vigenza di un corpus iuris alternativo per tale nobiltà.

Poco importa con i potenti mezzi di informazione che li caratterizzano… ossia radio DT e il noto quotidiano SIC… provvedevano ad informare tutti che avevano già chiarito ogni cosa… che tutto sarebbe stato archiviato… e che solo la loro innata modestia e pudore avrebbe impedito il loro ritorno dalle aule giudiziarie in corteo con doveroso Arco di Trionfo che le premiate ditte impegnate nei lavori comunali avrebbero gentilmente offerto a titolo gratuito richiedendo solo un diritto di… prius opus edili… (che il prof. Scavo mi perdoni per quello scritto) per i successivi 80 anni.

Mi sembra di scorgere le vostre facce, esatto, il dimissionario ass. Cerqua, con una lettera da voi pubblicata aveva informato la collettività e l'amministrazione che in base all'avviso di garanzia pervenuto si doveva riesaminare e revocare l'analogo provvedimento di Giunta 144 del 2016 avendo in effetti un oggetto analogo e riconducibile addirittura a un elemento dell'amministrazione. Sicuramente avrete notato che con immediata solerzia, a fronte di una questione così grave, abbiano risposto a mezzo numero… zero… comunicati stampa… e altrettanti in numero dichiarazioni.

La risposta al dimissionario ass. Cerqua era affidato ai potenti mezzi di comunicazione radio DT e quotidiano SIC mostrando il loro grande spessore. Le uniche risposte si riassumevano da una laconica nota del segretario che informava che… in base alla norma… non effettuava controlli di legalità… che il dirigente aveva confermato con una propria nota la correttezza dell'operato e che comunque il segretario avrebbe sottoposto tutto alla Giunta… non precisando ma si intuiva… lavandosi le mani nel prospiciente servizio igienico posto di fronte alla sala riunioni.

Anche il cons. Palma forse colpito da tale senso igienico chiedeva nell'ambito delle funzioni istituzionali previste una copia di tale nota… se non altro per apprendere da tale competenza tecnica e legale… quello che evidentemente era sfuggito al magistrato. Dopo il doveroso tempo necessario per effettuare la fotocopia di una pagina A4, come ci informa il consigliere Palma, circa tre settimane, ossia i normali tempi del comune, apprendevamo dalla penna del dirigente che [...] atti programmatori (regolamenti e piani urbanistici) sono stati regolarmente effettuati a monte dell'atto giuntale di cui si chiede la revoca, e che prevedono, nella normativa applicata approvata dal consiglio comunale, la possibilità nelle zone apposite , di realizzare in modo diretto gli interventi [...].

Ora per i meno attenti sarà sfuggito che il consigliere Palma è stato anche Presidente del Consiglio comunale nella scorsa amministrazione nonché consigliere ininterrottamente anche prima dell'adozione di questo PRG… alla mia domanda ma di quali atti parlasse il dirigente… mi rispondeva con termini che oggettivamente condivido ma il rispetto delle vostre orecchie mi impedisce di trascrivere. Va bene forse facciamo parte del volgo, non siamo membri di tale famiglia reale, per nostra fortuna non abbiamo lavorato ne lavoriamo per loro, non facciamo i loro zerbini, non provvediamo con la nostra saliva a umettare luoghi da loro indicati. Ma non credono che se dicono che esistono regolamenti e piani urbanistici regolarmente approvati sia il caso di indicare il numero e la data di approvazione (tanto per umiliarci un po') e il Segretario che trasmette una nota del genere non ritiene che debba in quanto custode di tali atti fornirne gli estremi al consigliere interrogante.

No... ritorniamo al punto di partenza… i regolamenti e i piani urbanistici… sono per famiglia reale … parenti… affini… zerbini ed altre categorie .
Mi accingo ad andare alla cappella dei miei nonni e penso che a fronte di 3/4 furti nello scorso anno oltre quello odierno cosa ha deliberato la giunta, penso allo sforzo profuso dalla stessa per un cimitero privato per cani, penso che per loro valiamo davvero meno di nulla.