Log in
22-Jun-2017 Aggiornato alle 8:24 +0200

Recensione di Ontos, l'ultimo capolavoro autopietico

Abbiamo chiesto alla Dott.ssa Silvia Spanu  (Educatrice Professionale ed operatrice sociale) le sue riflessioni sul cortometraggi “ONTOS” prodotto da Sigma-art, settore artistico dell’Associazione Sigmasofia onlu:
 
Una frase risuona interiormente: “Che cosa potevo fare se non aggrapparmi a chiunque mi dava un senso di non giudizio?”
 
Tutti…abbiamo la necessità di relazione… e di relazioni autentiche, di complicità e di intesa... di rapporti in cui si percepisce che il dialogo è da cuore a cuore, dove il giudizio della mente razionale, abituata a valutare e soppesare forme, movimento e apparenze, viene messa a tacere e va in remissione...
 
E quando c’è Silenzio, quando si entra dentro Se stessi così come nell’antro simbolico della Sibilla Cumana… si ripercorre la propria sofferenza, la si attraversa…
 
Ed emerge l’Ontos... l'Essenza… in quel Silenzio favorito dalla Solitudine ci si sente nudi… e in quella Solitudine che può essere vissuta in modo creativo ed autorigenerante, diviene possibile concepirsi come un Sole...sospeso nel Cosmo... percepire che siamo parte di Tutto, in connessione energetica con tutti gli altri Soli...
 
Nel Silenzio interiore infatti saltano i confini e le definizioni, saltano le illusioni, saltano le etichette e le convenzioni, i pregiudizi… e possono saltare anche quei disagi e quelle frustrazioni scaturite dai “pungenti sguardi di pietismo”… che giungono dall’esterno, ma anche dall’interno di noi stessi...
 
Così il corto “ONTOS” porta al di la delle parole e in un tempo repentino verso il nuovo Paradigma, a scardinare e quindi a superare l’atteggiamento pietistico e i convenzionali pensieri che accadono nelle menti ancora piene di ignoranza e di imbarazzo di fronte ad una forma corporea atipica che parla e si muove con difficoltà e che dice cose inusuali, ma pregne di significati e vissuti introspettivi che proiettano in un percorso auto-formativo, di auto osservazione, di messa in discussione personale, di crisi, di cambiamento e quindi di evoluzione...
 
Guardando Ontos dall'interno dell'Antro della Sibilla Io Sono Me Stessa e Simultaneamente l'Essenza che è Espedito...
 
L'Io Sono che parla delle prigioni che noi stessi costruiamo per le nostre menti e per la nostra interiorità.
 
LINK DEL CORTOMETRAGGIO: http://www.youtube.com/watch?v=8ryDeVwe4fk
Nel "Qui e Ora l’Ontos mi rivela” la mia Essenza ..."quello che i pungenti sguardi di pietismo chiamano "bruco" ...io, la Sigmasofia, lo chiamiamo "il volo della farfalla verso le transfinite distese coscienziali dell'Universi: me stesso"
 
Essere, dal greco "Ontos", per la Sigmasofia significa “vissuto diretto dell’unità ecosistemica cosmica, di cui siamo parte integrante, quando la partecipiamo nella sua essenza, sensibile e sovrasensibile, locale e non locale” (cfr: http://www.sigmasophy.com/institute/vocabolario/vocabolario.asp?key=ontos&l=A&pg=1&voce=65)
 
Ecco che quindi sul piano energetico ed emozionale questo video accompagna in un percorso ontologico ed introspettivo... dove l’Essere è un’Anima che riflette se stessa in un corpo (diversamente abile solo per definizione convenzionale), ma è anche cultrice di teatro autopoietico, è anche un Essere uomo/donna che ha sviluppato il proprio potenziale, che divenuto consapevole dei limiti e dei giudizi autoimposti, ha trasceso la sofferenza, la depressione, l’immagine del bruco e della prigione...per riscoprire la farfalla che è sempre stata... oltre i confini stereotipati e i modelli sociali imposti da questo sistema destinato a crollare su se stesso proprio perchè è un artifizio, una degenerazione dell'Ego Collettivo accumulato in secoli di ignoranza e di condizionamenti e di attaccamenti che vanno contro Coscienza dell'Uno che Siamo, che vanno contro la Legge Universale dell'Evoluzione...
 
Davvero è il caso che, come in questo corto accade, iniziamo a puntare audacemente sul nuovo Paradigma… in tutti gli ambiti e anche nelle relazioni:
 
“Essere libero significa anzitutto essere responsabile nei confronti di me stesso, della vita e degli altri che sono parte di me” …
 
Ciascuno è un Universo, o meglio una Universi-Parte. E Tutti insieme siamo Uno. Quindi io e te che stai leggendo non siamo separati.
 
E' l’illusione della separazione crea paura, giudizio, senso di bisogno… l'Illusione del bisogno.
 
Forse l'unica necessità reale è quello di ri-sentirci parte dell’Unico Corpo che siamo.
 
E forse quella di giocare in questa dimensione con tutto il nostro potenziale e con i nostri corpi...
 
E non importa più come sono questi corpi… In piedi, seduti su una sedia a rotelle oppure seduti per terra, in ginocchio o stesi in orizzontale…
 
Ciò che importa è l’Essere, che gioca… immagina… crea…pensa…(già… perché il pensiero è molto più potente e capace di creare la realtà di quanto si possa razionalmente concepire) e che danza a ritmo di musica e magari che canta interiormente o con la voce:
 
“...vivo tempo autopoietico... empatonicamente consapevole...
 
...sorrido piangendo... veglio dormendo... consapevolmente genero...
 
...Perché dovrei essere infelice???... ”
 
In qualità di Educatrice Professionale, dopo 20 di esperienza in ambito sociale, educativo, culturale e animativo, ritengo inoltre che l'approccio Sigmasofico che si intravede in questo cortometraggio costituisca un significativo strumento per l'evoluzione individuale e sociale... e un importante strumento per la formazione in ambito educativo, sociale, artistico, comunicativo e culturale.
In questi tempi di estrema contraddizione, di corruzione, di confusione e di diritti calpestati credo fermamente nell'importanza di approfondire la Ricerca Interiore e Sociale in un'ottica di Auto-Formazione permanente e vorrei ribadire il significato profondo che comporta l'atto di diffondere forme d'Arte e di Letteratura che aprono ad una visione olistica ed autopoietica dell'esistenza e della società, verso la creazione di un nuovo e sempre più autentico ed evoluto paradigma coscienziale e creativo... Se vogliamo cambiare il mondo... possiamo solo iniziare con l'entrare dentro noi stessi... Buon Percorso a Ciascuno... a Ciascuna Universi-Parte dell'Unico Corpo Che Siamo...
 
Un grazie particolare a Espedito Petacca, Alessandro Ferrara e Nello Mangiameli e a tutti coloro che hanno saputo mettersi in gioco senza pensare al denaro e hanno collaborato volontariamente con Sigma-Art per la realizzazione di questo capolavoro autopoietico.
Grazie di cuore!
Silvia

Espedito Petacca

Presidente ∑IGMA-ART® Napoli

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.