Log in
25-Sep-2017 Aggiornato alle 17:12 +0200

Futuro Remoto, festa della scienza: le impressioni dei Giovani Reporter

Futuro Remoto, festa della scienza: le impressioni dei Giovani Reporter foto: Piero Angela

Il 6 ottobre si è tenuta a Città della Scienza la conferenza inaugurale della trentesima edizione di Futuro Remoto, un’ iniziativa che mira alla diffusione della cultura scientifica nel nostro Paese, quest’anno all’insegna del tema “Costruire”.

Il primo a prendere parola è stato il suo fondatore Vittorio Silvestrini che ci ha spiegato, anche se con il corpo scosso dal Parkinson, l’importanza della conoscenza, della ricerca e dei sistemi complessi. Ma la vera star della serata, accolto da lunghi applausi, è stato Piero Angela, il quale, dopo aver fatto battute sulla sua età ci ha parlato della tecnologia e della sua importanza nel futuro. Ha parlato dell’epoca in cui è vissuto suo padre Carlo Angela, contemporaneo di Garibaldi, quando l’analfabetismo e la povertà erano molto diffuse: solo grazie alle innovazioni tecnologiche la vita è cambiata profondamente.

Quindi ha sottolineato l’importanza di stare al passo con le trasformazioni, soprattutto quella digitale, invitando i giovani ad approfondire lo studio della scienza, tenendo però sempre presente la cultura in generale, la famiglia e l’educazione. Solo guidati da questi valori si possono raggiungere gli obiettivi e realizzare i propri sogni.

Poi ci ha invitato a riflettere sul nostro pianeta, protetto da un sottilissimo strato di atmosfera, la quale impedisce alle radiazioni del sole di danneggiarci, ma che l’uomo, con continue immissioni di sostanze inquinanti, sta danneggiando irrimediabilmente.

Piero Angela infine ha espresso il suo apprezzamento per il popolo napoletano, dotato di una marcia in più, grazie alla loro fantasia e alla grande preparazione dei suoi ricercatori.

Accattivante la conclusione di Elon Musk, l’inventore della Pay Pal: il giovane ingegnere crede che tra 30 anni ci saranno delle colonie su Marte e su questo sta lavorando progettando dei particolari missili.

Colonizzeremo anche Marte? Speriamo di trattarlo e preservarlo meglio di quanto stiamo facendo per la Terra!

Antonio Illiano, classe III sez. L S.M.S. "Don Salvatore VItale" 

Giovani Reporter "Don Vitale"

Il progetto si pone come continuazione di un percorso di Giornalismo ambientale che ha visto gli alunni partecipi nello studio e raccolta di documentazione affidabile per restituire valore scientifico alle notizie riguardanti la cosiddetta Terra dei Fuochi (inquinamento, falde acquifere, salubrità dei prodotti agricoli, tutela e vigilanza del territorio).

L’input è il territorio di Licola, Varcaturo e Lago Patria, nelle sue criticità, da evidenziare in vista di ipotesi risolutive e mai di sterile denuncia da scoop, e nelle sue potenzialità da valorizzare.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.