Log in
22-Sep-2017 Aggiornato alle 10:18 +0200

La spiaggia libera di Castel Volturno non si trasformi in "lido abusivo", questo il grido dei cittadini

Il Sindaco di Castel Volturno Dimitri Russo: "Sul litorale universo di illegalità: dalle occupazioni abusive agli abusi, dai rifiuti all’accesso impedito. Non basta un’ordinanza, un’azione dimostrativa. Servono uomini e risorse".

CASTEL VOLTURNO – Il Litorale di Domizio torna a far parlare di se. La denuncia parte dai cittadini che, stanchi di vivere un andazzo che non va assolutamente per il verso giusto, si sono rivolti ai media locali per cercare di venire a capo della situazione.

I cittadini che frequentano uno dei litorali, potenzialmente tra i più belli d'Italia per l'ampiezza dell’arenile, sono stanchi, infatti, che le spiagge libere in questo caso sul territorio di Castel Volturno diventino territorio di conquista di persone che, a loro dire in barba ad ogni regolasta, stanno trasformando l'arenile a fruizione pubblica e libera in un a sorta di lido con tanto di “noleggio di lettini ed ombrelloni".

Tale situazione, in altri comuni che affacciano sul mare, è costantemente tenuta sotto controllo dall'intervento della Polizia Municipale e in casi più estremi da attività di controllo eseguiti dalla Guardia di Finanza.

Queste attività, stando ai racconti dei frequentatori della spiaggia, si ripercuoterebbero anche sul territorio di Giugliano dato che i rifiuti, stando al racconto dei cittadini, sarebbero poi accantonati presso il punto censito n° 59 per lo sversamento illegale nell’ambito del Patto per la Terra dei Fuochi.

Il controllo di tali condotte spetta alle forze dell'ordine i cittadini posso solo segnalare e denunciare, alla politica invece spetta creare le condizioni affiché tali vicende non si verifichino più

Per approfondire la vicenda sollevata dai cittadini e per ricecare conferme abbiamo contattato il Sindaco di Castel Volturno  Dimitri Russo per capire se vi fossero state rilasciate autorizzazioni al noleggio di lettini ed ombrelloni sulla spiaggia libera. Il Sincaco Russo, confermando di non aver mai rilasciato concessioni di questo tipo ha dichiarato: «Nessuna spiaggia libera ha una concessione del genere. Purtroppo – continua – non posso prendere impegni se non ho risorse per questo tipo di controlli. Sul litorale c’è un universo di illegalità: dalle occupazioni abusive agli abusi, dai rifiuti all’accesso impedito. Non basta un’ordinanza, un’azione dimostrativa. Senza uomini e senza risorse si rischiano solo brutte figure. Occorre pazienza. Stiamo lavorando per cambiare prima gli uomini e poi le cose; è necessario che ognuno faccia il proprio dovere da cittadino civile. Mi accontento – conclude il Primo cittadino Russo che non sversino immondizia nei terreni, sulla strada, sulla tangenziale, nella pineta e nei canali di bonifica».

Vincenzo Perfetto

Direttore Editoriale

Sito web: www.puntomagazine.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.