Log in
24-May-2017 Aggiornato alle 19:00 +0200

Ercolano, aveva chiesto 50 euro al giorno per lavorare tranquillo: arrestato

Ercolano, aveva chiesto 50 euro al giorno per lavorare tranquillo: arrestato Foto: archivio

Si era presentato come emissario del clan Ascione, ma ancora una volta la collaborazione, nota come "Modello Ercolano", tra vittime di estorsione, Carabinieri, Direzione Distrettuale Antimafia ed Associazione Antiracket è stata determinante.

Ercolano. I Carabinieri della Tenenza di Ercolano sono intervenuti d’urgenza in una paninoteca del luogo sottoponendo a fermo il 34enne Ciro Scognamiglio, del luogo, già noto alle Forze dell'Ordine per reati contro la persona e il patrimonio, ritenuto responsabile di tentata estorsione aggravata da finalità mafiose.

L’uomo ha avvicinato il titolare del locale e presentandosi come emissario del clan camorristico degli “Ascione” aveva cercato di imporgli il pagamento di 50 euro al giorno, condizione necessaria per poter continuare a lavorare “con serenità”.

Attraverso la visione dei filmati di videosorveglianza i militari dell’arma hanno identificato il 34enne e sono riusciti a individuarlo poco distante, sottoponendolo a fermo. Il fermato è stato tradotto nella Casa Circondariale di Poggioreale.

In un territorio difficile ancora una volta è stata determinante la collaborazione vincente tra vittime, Carabinieri, DDA e Associazione antiracket, ormai nota come “modello Ercolano”.

Redazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.