Log in
19-Aug-2017 Aggiornato alle 11:55 +0200

Sant'Antimo, Assessore di Grumo candidata con la coalizione di centrosinistra

Polemica in campagna elettorale a Sant'Antimo: infiamma la scena da ormai 8 ore, i protagonisti a colpi di post su Facebook hanno dato ognuno le proprie motivazioni.

Nuovo polemica in campagna elettorale tra i grillini e la coalizione di centrosinistra di Sant’Antimo. Al centro della questione sembrerebbe essere la candidatura tra le fila di “Cittadini per Sant’Antimo”, che sostiene Aurelio Russo, dell’assessore alle Politiche Sociali con delega alla Legalità del Comune di Grumo Nevano Carla Cimmino. A rendere nota la questione è stato il consigliere del Movimento 5 Stelle di Grumo Nevano Giuseppe Riccardi:

“In questo momento con un po' di cattiveria e sperando che la sua probabile elezione la potrebbe portare lontano dall'incarico di Assessore alle Politiche Sociali con delega alla Legalità […] dovrei tifare per il Sindaco Aurelio Russo sostenuto dal PD.  Scherzi a parte, questa per noi è la conferma, se ce ne fosse stato ancora bisogno, dell'esistenza di un filo NERO che unisce Sant'Antimo a Grumo Nevano. Carla Cimmino grande sostenitrice delle politiche Forza Italiote e del suo leader locale Giggino... si candida in una compagine del PD. Avrà cambiato idea? No niente affatto, ormai è chiaro che tra PD e FI non c'è alcuna differenza e che a Sant'Antimo sta andando in onda una pantomima che vedrà probabile vincitore per l'ennesima volta chi ha ROVINATO il nostro territorio. […] Per quanto riguarda la Candidata che dire, da Assessore ha la fortuna di uno stipendio mensile a carico dei Grumesi, da riempilista avrà l'occasione per farsi l'ennesimo SELFIE.”

Seccata la risposta dell’assessore al post di Riccardi, che in modo ironico ha risposto così:

“Mi dispiace che lo abbia saputo così tardi...caro Peppino e grazie per un po' di pubblicità... te ne sono riconoscente. Delega alla legalità e quindi??? Grazie X un po' di campagna elettorale […] . ah ho dimenticato una cosa: i grumesi non mi versano stipendio perché io ho un lavoro, guadagno ed emetto FATTURE...iooooo appunto.”

In merito alla candidatura dell’Assessore di Grumo Nevano ha commentato sempre sul web, il candidato del M5S di Sant’Antimo Nicola Chiantese:

“Fresca di giornata, una lista democristiana coalizzata con il PD locale ha CANDIDATO alle amministrative Santantimesi l'attuale Assessore alla "legalità" di Grumo Nevano. Parlatemi ancora di democrazia e partecipazione. La verità è una sola, ecco perché fate queste accozzaglie, ecco perché la richiesta del M5S S.Antimo di sciogliere tutte le alleanze vi sembrava assurda e indecente: cercate voti, ammassate uomini e donne come coacervi per fare voti, senza rispetto per gli elettori, senza rispetto per il vostro popolo, senza rispetto per la dignità di una terra martoriata da 20 anni di CESAROPOLI. Ma alla fine, parliamoci chiaro, siete tutti la stessa pasta, il modus è quello. Neanche siamo entrati in consiglio comunale e già ci date il voltastomaco. Attendiamo il candidato sindaco del PD, deve spiegazioni a un intero popolo.”

Non ha atteso nel rispondere il candidato della coalizione di centrosinistra Aurelio Russo che sulla sua fan page facebook ha risposto così ai grillini:

“In queste ore sta montando una polemica strumentale (come tutte quelle di campagna elettorale) intorno alla candidatura, da Grumo Nevano, di Carla Cimmino, Assessora alla Legalità di quel comune.  Strumentale perché di questi tempi l'unico scopo delle polemiche è sempre quello di dimostrare che "il proprio lenzuolo bianco, è più bianco di quello degli altri". Non mi soffermerò nemmeno un attimo sugli aspetti dei diritti costituzionali garantiti per tutti (quello di candidarsi con chi gli pare); ma sull'aspetto più "politico" (soprattutto grumese) della adesione che la signora avrebbe, nel suo comune, con il Partito di Forza Italia.  Lo "scandalo" qui da noi è certamente meno sentito (per la minore popolarità della candidata) e poi noi, a "tradimenti" clamorosi siamo più abituati (abbiamo avuto addirittura un ex sindaco di sinistra transitato, come assessore, nel partito dei Cesaro...); ma invece che fare una discussione "teorica" sul diritto di cambiare idea, voglio fare solo alcune osservazioni politiche.  Da quando Michele Schiano, ex deputato di FI, si è allontanato da quel gruppo ed ha aderito a quello di Scelta Civica, divenuto nelle realtà locali CITTADINI PER..., molti hanno trovato l'occasione di dimostrare la propria insofferenza alle regole centalistiche del partito di Cesaro, "transitando" nella nuova compagine politica.  Così è successo per tanti nella nostra città, che hanno dato vita alla lista Cittadini per Sant'Antimo. Lo "sdoganamento" verso il centro sinistra è avvenuto con le elezioni regionali del 2015, quando c'è stato un appoggio totale ed incondizionato alla candidatura del presidente De Luca.  Ora, se il "passaggio" è di un singolo si può parlare di "tradimento", se il passaggio è di TANTI, si deve parlare di "SCELTA POLITICA". Quella che c'è stata qui a Sant'Antimo.  Tutto il resto sono chiacchiere al vento; vento nel quale continuerà a sventolare il lenzuolo bianco di alcuni, nel vano tentativo di dimostrare che il proprio è più bianco di quello degli altri (o magari, di infangarlo...).”

Emanuele Amoruso

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.