Log in
20-Jul-2017 Aggiornato alle 16:37 +0200
Redazione

Redazione

Sorpresi in un garage di via Guadagno a Napoli con 48 capi di abbigliamento falsi

I responsabili sono un fratello ed una sorella residenti rispettivamente a Napoli e a Casalnuovo, in un garage avevano una ricamatrice industriale che apponeva marchi falsi su pantaloni neutri

NAPOLI - Questa notte, in via Michele Guadagno, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Centro insieme a colleghi della Compagnia Stella hanno tratto in arresto in flagranza di reato per contraffazione aggravata di marchi fratello e sorella M. P. di 35 anni, residente a Napoli e A. P., 33 anni, di Casalnuovo, entrambi già noti alle forze dell'ordine per reati specifici.

I militari dell'arma, a seguito di perquisizione nel garage che avevano in uso il 35 enne e la 33enne, hanno scovato i due in possesso di 48 paia di pantaloni con i marchi falsi di note case di moda straniere e di una macchina ricamatrice industriale che veniva impiegata per ricamare i marchi falsi su capi di abbigliamento neutri.
Collegata alla macchina vi era un personal computer con il logo di note griffe e il software che permetteva alla ricamatrice di funzionare. I due sono stati condotti presso le Case ciercondariali di Pozzuoli e di Poggioreale.

  • Pubblicato in News
  • 0

Incendi Giugliano, il Sindaco scrive al Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Sindaco di Giugliano Antonio Poziello: "Viviamo la frustrazione di non sapere dove i piromani colpiranno, ma con la certezza che lo faranno".

GIUGLIANO - Il Sindaco di Giugliano dinnanzi all'emergenza degli incendi e dei roghi tossici scrive al Premier Gentiloni, al Governatore della Campania De Luca, al Prefetto di Napoli Carmela Pagano e al Procuratore della Repubblica di Napoli Nord.

Il Sindaco nella missiva ammette la sconfitta dello Stato e delle istituzioni che vivono costantemente nella frustrazione di essere impotenti sul problema, con le certezze che il fuoco sarà appiccato in qualche punto della città.

Ovviamente si tratta di una situazione insostenibile per l'intera zona del giuglianese che di riflesso vivono tutti i disagi provenienti dai continui incendi. Di seguito la missiva

Al Presidente del Consiglio dei Ministri
Al Ministro dell'Interno
Al Presidente della Regione Campania
Al Prefetto di Napoli
Al Procuratore della Repubblica di Napoli Nord

Oggetto: richiesta dichiarazione stato di calamità, di interventi urgenti per la sicurezza dei cittadini e di convocazione del Comitato per l'ordine e la sicurezza presieduto dal Ministro dell'Interno.

Da giorni la nostra città è trasformata in un campo di battaglia. Decine di incendi ogni giorno stanno bruciando tutto quello che può andare in fiamme. A dispetto di ogni nostro tentativo di prevenzione.

Viviamo la frustrazione di non sapere dove i piromani colpiranno, ma con la certezza che lo faranno.

Le fiamme hanno colpito case, attività economiche, terreni. Hanno messo a rischio cose e persone.

Lasciando cittadini ed amministratori sgomenti. Di fronte alla evidente impunità per i criminali che stanno mettendo a ferro e a fuoco la città.
Dando a tutti noi un senso di impotenza di fronte alla circostanza che nemmeno uno dei piromani in azione sia stato individuato ed arrestato.

Mettendo in evidenza anche la debolezza dei sistemi di protezione dei cittadini, che andranno rivisti alla luce di quanto sta accadendo: vedere le fiamme avanzare in attesa che arrivino i Vigili del Fuoco è qualcosa che non vorremo rivivere mai più.

È necessario dichiarare lo Stato di calamità, ma non basterà. È necessario dispiegare l'Esercito, ma non basterà. È necessario che le Forze dell'Ordine si mettano sulle tracce dei delinquenti che stanno appiccando gli incendi e dei loro mandanti, ma non basterà.

Oggi qui, nella terra dei fuochi andata in fumo, lo Stato ha perso. Le istituzioni tutte sono sconfitte. Chiediamo la convocazione di Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica e che sia lo stesso Ministro dell'Interno a presiederlo.

Chiediamo attenzione e atti concreti e forti.
Oggi la credibilità dello Stato è andata in fumo, è necessario per tutte le Istituzioni riguadagnare l'onore ed il rispetto perduto.

Il Sindaco
Dott. Antonio Poziello

  • Pubblicato in Focus
  • 0

Una Ciclopasseggiata contro i roghi e gli incendi a Giugliano

Ciclopasseggiando Giugliano chiede ai Sindaci dell'area nord di attivarsi presso il Presidente della Regione Campania e presso il Ministro degli Interni

Una nuova iniziativa targata Ciclopasseggiando Giugliano è in programma per giovedì 20 luglio 2017. Il tema della ciclopasseggiata sono i gli incendi e i roghi che si stanno verificando continuamente su tutta la campania e sul giuglianese in particolare.

Il gruppo attraverso un breve nota inviata in redazione dichiarano: “La nostra CicloPasseggiata di Giovedì sera con Partenza alle ore 20,00 da Piazza Gramsci, sarà una forma di protesta per chiedere agli organi competenti che si attivino efficacemente e non con semplici annunci, al contrasto di questo fenomeno che inquina l'aria e ci avvelena… Noi chiediamo che le amministrazioni a Nord di Napoli si riuniscano in un'assemblea permanente e trovare le soluzioni, strategie per contrastare i tantissimi roghi del nostro territorio… Noi chiediamo alle amministrazioni locali che chiedano al Presidente della Regione Campania e al Ministro degli Interni lo stato di emergenza e che inviano forze di contrasto adeguate per il controllo del territorio”.

  • Pubblicato in News
  • 0

Beccato giardiniere di Giugliano intento nella coltivazione di Cannabis

L'uomo residente a Giugliano si prendeva cura delle piante di cannabis in un fondo adiacente alla sua abitazione

GIUGLIANO VARCATURO - I Carabinieri della stazione di Varcaturo hanno arrestato in flagranza per detenzione di stupefacente a fini di spaccio R. S, un giardiniere 41enne di via Ripuaria  già noto alle forze dell'ordine. L’uomo è stato sorpreso durante un servizio di osservazione.

Il 41enne, infatti, quando è stato scoperto era in un fondo adiacente la sua abitazione e stava irrigando 16 piante di Cannabis tenute nascoste tra fitta vegetazione. L’arrestato è stato tradotto nella Casa circondariale di Poggioreale a Napoli.

  • Pubblicato in News
  • 0

Rientrate le emergenze legate agli incendi a Quarto

Le emergenze a Quarto legate agli incendi sono rientrate resta la chiusura della Montagna Spaccata legato alle operazioni di verifiche delle agibilità

QUARTO - Tutte le emergenze sul territorio di Quarto sono rientrate, a renderlo noto il Sindaco Rosa Capuozzo con un post su Facebook poi divulgato attraverso l'ufficio comunicazione.

"I roghi - spiega il Sindaco Capuozzo - che stavano minacciando il nostro territorio sono sotto controllo. Un ringraziamento grande va ai nostri uomini e donne della Protezione Civile Comunale, i volontari dell'associazione Grotta del Sole e agli agenti della Polizia Locale, che senza risparmiarsi, si sono messi al servizio della comunità. Ricordiamo che il comando di Polizia Locale, è l'unico centro a disposizione per segnalazioni ed emergenze e risponderà al numero telefonico 081 8767161.
Resta - conclude la Prima cittadina di Quarto -  ancora il disagio in via Montagna Spaccata, chiusa e in attesa che il Comune di Pozzuoli predisponga le verifiche di agibilità. Per arginare il problema abbiamo chiesto ed ottenuto, dalla città Metropolitana la momentanea sospensione dei lavori di riqualificazione del tunnel del Campiglione, che resterà aperto anche negli orari notturni."

In ogni caso resta a disposizione dei cittadini un numero speciale per la segnalazione delle emergenze

  • Pubblicato in News
  • 0

Traffico di Droga, arrestate 17 persone a Napoli tra cui "Genni 'a Carogna"

Le indagini hanno permesso di scoprire una fiorente attività di importazione e trasporto dall'Olanda di Marijuana e "Amnesia". In luce anche i collegamenti con la piazza di spaccio del Rione Traiano

NAPOLI - Nella mattinata odierna i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli R.O.N.Inv. hanno dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di 17 persone (14 sottoposte alla custodia cautelare in carcere, 3 poste agli arresti domiciliari) ritenute responsabili dei reati di associazione finalizzata al traffico ed alla commercializzazione di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti. A renderlo noto una nota della Procura della Repubblica di Napoli

Il provvedimento cautelare documenta, secondo gli inquirenti, la complessa attività di indagine svolta, che ha consentito di scoprire le attività illecite del gruppo criminale capeggiato da De Tommaso Gennaro, detto Genni a' carogna, e dallo zio De Tommaso Gaetano, avente base logistica ed operativa a Forcella, nel centro storico di Napoli.

Sono stati accertati, stando alla nota della Procura, numerosi rapporti del gruppo criminale con fornitori di nazionalità olandese, che hanno organizzato l'importazione ed il trasporto in Italia, per lo più mediante autoarticolati, di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente del tipo marijuana e amnesia. Sono stati registrati inoltre frequenti collegamenti con i gestori di numerose piazze di spaccio, dislocate sul territorio napoletano e nazionale, funzionali allo smistamento della sostanza stupefacente importata.

L'ordinanza cautelare, secondo gli inquirenti, cristallizza altresì, ponendosi in linea di continuità con altri recenti provvedimenti giudiziari, il ruolo di Gravina Vincenzo e di Caldiero Alessandro, quali stabili acquirenti di marijuana dall'associazione criminale facente capo a Gennaro e Gaetano De Tommaso, per il tramite degli emissari Orabona Giovanni ed Esposito Mariano, e quali successivi rivenditori al dettaglio della sostanza stupefacente del medesimo tipo nella piazza di spaccio autonomamente gestita nel Rione Traiano di Napoli.

Le indagini si sono avvalse di intercettazioni telefoniche ed ambientali, decisamente eloquenti per i riferimenti, da parte degli indagati, alla sostanza stupefacente commercializzata (marjiuana e "amnesia”), nonché al relativo costo, esplicitato in somme tra i 6.000,00 euro al kg. e i 40.000,00 euro per l'intera partita di droga acquistata.

Nel corso delle indagini i Carabinieri hanno proceduto al sequestro di rilevanti quantità di sostanza stupefacente trasportate dall'Olanda (per complessivi kg. 41,730 di marijuana) e all'arresto di due corrieri (FUNZIONE Pasquale e CONTE Giuseppe), avvenuti nel dicembre 2014 e nel febbraio 2015.

  • Pubblicato in News
  • 0

Perseguitava la sua ex, arrestato stalker in via Licola Mare a Giugliano

L'uomo poco prima dell'intervento dei Carabinieri di Varcaturo aveva aggredito la donna verbalmente e fisicamente

GIUGLIANO, VARCATURO - I Carabinieri della Stazione di Varcaturo hanno arrestato per atti persecutori e lesioni personali un 29enne del Ghana già noto alle forze dell'ordine domiciliato a Castel Volturno (Ce).

L’uomo è stato sorpreso e bloccato dai militari dell'arma i nei pressi dell’abitazione della ex coniuge nigeriana 24enne, in via licola mare. Immediatamente prima aveva aggredito la donna verbalmente e fisicamente procurandole “traumi superficiali al gomito dx e all’avambraccio sx”, guaribili in 4 giorni.

Nel corso di approfondimenti i Carabinieri hanno accertato che da circa tre mesi poneva in essere una serie di comportamenti persecutori (pedinamenti, appostamenti, controlli, comunicazioni e molestie telefoniche) e aveva usato violenza fisica e psicologica nei confronti della donna generando in quest'ultima stati di ansia e paura che avevano compromesso il normale svolgimento della sua quotidianità.

L’arrestato è stato tradotto a Poggioreale.

  • Pubblicato in News
  • 0

Pozzuoli, rapina all'MD di Licola: finisce a Poggioreale un 39enne

Uno dei malfattori è stato arrestato al Rione Toiano a Pozzuoli perché era in sella alla vespa segnalata come il mezzo di fuga, si cerca il complice

POZZUOLI - Questa notte i Carabinieri della stazione di Licola insieme a colleghi della Compagnia di Pozzuoli hanno sottoposto a fermo della polizia giudiziaria G.D.M., un 39enne di Pozzuoli già noto alle forze dell'ordine ritenuto responsabile in concorso con un complice in via di identificazione di una rapina a mano armata al supermercato MD di Licola.

Il raid è avvenuto verso le 19 di ieri sera. Fatta irruzione nei locali commerciali in via Monte Nuovo Licola Patria i due hanno rapinato circa 1.000 euro in denaro contante.

I militari dell’Arma, allertati dalla centrale operativa hanno cominciato la ricerca dei malfattori in fuga riuscendo a intercettarli nel rione toiano: erano in sella a una vespa guidata da G.D.M., quella segnalata quale mezzo usato per la fuga.

Dopo un breve inseguimento i Carabinieri sono riusciti a bloccare il mezzo e il 39enne. Subito dopo, grazie anche alla visione da impianti di videosorveglianza dell’esercizio commerciale, l’uomo è stato riconosciuto.

Mentre proseguono le indagini per identificare il complice in fuga, il 39enne è stato associato a poggioreale.

  • Pubblicato in News
  • 0

Nola, rapine in Circumvesuviana 3 giovani ai domiciliari

Le indagini che hanno portato al provvedimento restrittivo emesso dal Tribunale di Nola sono partite da una rapina avvenuta sulla Circumvesuviana

Stamani gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Nola hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di P. N., di 29 anni, F. F., di 18 anni e M.D.A., di 18 anni.

Da diverso tempo i poliziotti stavano indagando su una rapina avvenuta sul treno della Circumvesuviana lo scorso mese di marzo. Sulla Baiano Nola, i tre giovani si erano avvicinati ad un gruppo di studenti di ritorno da scuola e, dopo averli schiaffeggiati, si erano fatti consegnare soldi e cellulari scendendo poi alla prima fermata utile.

I momenti dell’azione criminale sono stati ripresi dal sistema di videosorveglianza della Circumvesuviana. I poliziotti hanno esaminato diverse immagini che hanno poi consentito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola di emettere il provvedimento restrittivo a carico dei tre giovani.

Dovranno rispondere dei reati di rapina aggravata ed estorsione aggravata.

  • Pubblicato in News
  • 0

Ai domiciliari Amministratore unico di Napolipark

Finito nelle indagini della Polizia Tributaria di Napoli anche il diretto collaboratore dell'amministratore unico, nell'ambito di una indagine nei confronti di Napoli Holding S.p.A.

Ufficiali di Polizia Giudiziaria del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia Di Finanza di Napoli, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare degli arresti domiciliari nei confronti dell’Amministratore unico della pro tempore società Napoli Park srl, società a socio unico Comune di Napoli e di un suo diretto collaboratore presso la società Napolipark S.r.l.. A divulgarlo una nota stampa della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli.

La Napolipark srl è stata costituita nel 2002 dal Comune di Napoli per fornire servizi complementari per la mobilità e la sosta nel territorio della città; successivamente è confluita unitamente a Metronapoli S.p.A, nella società unica A.N.M S.p.A. partecipata al 100% dal Comune di Napoli.

Le indagini del Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli, coordinata dalla Procura di Napoli, si iscrivono in una più ampia attività investigativa sviluppata nei confronti della Napoli Holding S.p.A. diretta a verificare – mediante acquisizioni ed analisi di documentazione e servizi di riscontro – condotte illecite di amministratori e dipendenti infedeli, dirette alla sottrazione di risorse finanziarie delle casse del Comune di Napoli.

In particolare, si legge nella nota, è stato accertato che il collaboratore, assunto nella Napolipark srl con mansioni di ausiliario del traffico, di fatto è stato sempre impiegato come addetto a disposizione dell’amministratore unico. Affiancava, infatti, quest’ultimo dirigente in protratti turni diservizio espletati fuori ufficio e fuori regione.

Le indagini hanno permesso di acclarare, in un contesto di scarsa trasparenza nella gestione dei beni dell’amministrazione, l’illecito utilizzo dell’auto aziendale per esigenze private di trasporto fuori regione da parte dell’amministratore unico e l’indebito riconoscimento al collaboratore di liquidazioni ed indennità non dovute per ben 410 servizi esterni mai effettivamente espletati ovvero per ore di straordinario mai espletato nell’interesse dell’azienza. Secondo gli inquirenti quale contro partita l’amministratore unico avrebbe ottenuto la disponibilità di una BMW serie 1 di proprietà dello stesso collaboratore.

La verifica delle procedure di rimborso spese per carburante, stando alla nota della Procura, ha consentito di accertare la pressi illecita di avallo da parte dell’amministratore unico della regolarità delle procedure amministrative di rimborso per le forniture di carburante presso i distributori non convenzionati siti fuori regione e non giustificate da plausibili ragioni d’impresa; ovvero della regolarità delle procedure amministrative di rimborso per forniture di carburante dichiarate come avvenute dal collaboratore e mai effettuate. In questa cicostanza, secondo gli inquirenti, sono stati prodotti anche documenti contraffatti, attestanti falsamente forniture di carburante apparentemente effettuate nell’interesse della municipalizzata, ma mai effettuate presso il distributore di volta in volta indicato.

Gli indiziati, per queste condotte, si avvalevano di un funzionario d’area addetto alle procedure amministrative. In poco più di un anno, secondo gli inquirenti, è stato cogionato all’Ente pubblico un danno pari a 60mila euro. Per questo al momento dell’esecuzione della misura cautelare è stato eseguito nei confronti degli indiziati un provvedimento di sequestro preventivo per una somma corrispondente al danno cagionato alla Pubblica amministrazione.

  • Pubblicato in Napoli
  • 0
Sottoscrivi questo feed RSS