Log in
20-Jul-2017 Aggiornato alle 9:47 +0200

Dalle ceneri della "Commissione speciale acqua" di Qualiano nasce un incontro pubblico

Dalle ceneri della "Commissione speciale acqua" di Qualiano nasce un incontro pubblico Momento della Conferenza Stampa - A Sinistra Fabio Picone - A Destra Raffaele De Leonardis

Dal fallimento della "Commissione speciale problematica acqua" nulla è accaduto sulla questione sia dell'acqua pubblica a Qualiano sia riguardo tariffe di Acquedotti SCPA

QUALIANO - Si è tenuta ieri sera nella sede della Casa del Popolo una conferenza stampa incentrata sull’acqua pubblica alla quale è seguito un incontro pubblico sul tema. Ad organizzare il tutto Casa del Popolo, Comitato Acqua Bene Comune Qualiano e Articolo uno.

Ad introdurre la conferenza che ha dato il via al successivo dibattito è stato Fabio Picone, referente di Qualiano del Comitato Acqua Bene Comune che, prima di passare la parola a Dario Cibelli, Segretario di Casa del Popolo per il suo intervento, ha ripercorso le motivazioni per cui è stato necessario l’incontro, passando dalla formazione della “Commissione speciale sulla Problematica acqua” portata, forse in maniera pilotata, allo smembramento per le dimissioni dei suoi componenti, dopo che molte richieste di documenti non erano andate a buon fine.

A prendere la parola subito dopo Dario Cibelli, Segretario di Casa del Popolo che ha ospitato nella propria sede l’evento. Cibelli nel suo intervento ha messo in primo piano una delle questioni più importanti la vittoria del referendum sull’acqua pubblica che non viene assolutamente applicato e subito dopo la ricaduta degli aumenti della tariffa sulle economie delle famiglie e delle attività commerciali di Qualiano, ponendo un accento sul fatto che alla “Commissione speciale” non è stato data la possibilità di lavorare

Guarda il video sotto l’articolo o sul nostro canale YouTubehttps://youtu.be/IiK0oyFpEI0

L’intervento successivo è stato di Fabio Picone, referente di Qualiano per il Comitato Acqua Bene Comune, che ha posto invece un accento più polemico e critico nei confronti della Società Acquedotti SCPA la prima ad adeguare le proprie tariffe all’AEGSSI secondo una tariffa più alta. Non solo Picone pone un forte accento sul mancato rispetto della convezione tra la società e il Comune e ne chiede quindi il rispetto e che le forze presenti in Consiglio comunale si facciano portavoce di queste criticità.

Guarda il video sotto l’articolo o sul nostro canale YouTube: https://youtu.be/_Ksgoolt1Jc

Il turno di Raffaele De Leonardis che, riconoscendo fallaci tutti gli atti che hanno portato alla stipula del Contratto, spiega che impugnare gli atti per dimostrare la nullità sarebbe portare un danno ancora maggiore. Riconosce, tuttavia, che le tariffe cosi come presentate ai cittadini sono troppo alte e vanno necessariamente abbassate.

Guarda il video sotto l’articolo o sul nostro canale YouTube: https://youtu.be/NDztPyYSpcE

Ciò che appare veramente singolare e il fatto che dopo le dimissioni dei membri della Commissione non abbia portato a nessun commento da parte dell’amministrazione o di passo avanti per dimostrare di avere a cuore il problema, ma evidentemente si reputano congrue le tariffe. Che la serata giusto il tempo per noi di porgere due domande su cosa verrà fuori dall’incontro che di li a poco si sarebbe celebrato e in caso di non risposta come si intendesse intervenire per cambiare questo particolarissimo andazzo che perdura da ormai dieci anni.

Guarda il video sotto l’articolo o sul nostro canale YouTube: https://youtu.be/ocfQ3inDugA

Nel corso della serata si sono distinti gli interventi di Stefano Panico di “Articolo Uno” che ha ricordato come nel programma di Ludovico De Luca ci fosse la ripubblicizzazione del servizio idrico, ma che sul tema non è stato fatto nulla come su tante altre questioni, dal Puc ,ai trasporti, all'emergenza roghi.

Altrettanto interessante il contributo dell’Avv. Stefano Morgera, già Sindaco di Qualiano, che ha sottolineato la necessità di risolvere la convenzione con Acquedotti scpa perché illegittima in quanto non fu fatta la gara di appalto.

Il consigliere comunale di Forza Italia Giulio Cacciapuoti, invece, ha posto l’accento su come l'amministrazione comunale continui a pagare avvocati e consulenti per la questione voragine De Gasperi in merito a probabili responsabilità dell'Acquedotti scpa senza che questi ottengano alcun risultato, il tutto a spese dei cittadini.

A chiusura serata un vi è stato lo spazio messaggio anche da parte di Mimmo Sgariglia (Udc) e Raffaele Manco, che hanno esortato l'amministrazione a fare qualcosa sulla questione tariffe.

Altrettanto interessante, eccezion fatta per coloro che siedono nei banchi di opposizione e per coloro che in Consiglio comunale non ci sono entrati, la forte opposizione su questo tema da coloro che essendo in maggioranza avrebbero potuto fornire un apporto durante tutta questa consiliatura, ma forse l’occasione non si sarà mai parata.

Video

Vincenzo Perfetto

Direttore Editoriale

Sito web: www.puntomagazine.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.