Log in
25-Jul-2017 Aggiornato alle 17:00 +0200
Vincenzo Perfetto

Vincenzo Perfetto

Direttore Editoriale

URL del sito web: http://www.puntomagazine.it

Nulla di fatto per DUP e riequilibrio di bilancio di Qualiano: rinviato al 27 luglio

La seduta del Consiglio comunale rinviata, documenti del Collegio dei revisori contabili arrivano a poche ore dall'inizio dell'assemblea cittadina 

QUALIANO – Rinviato al 27 luglio alle ore 8:00 in prima convocazione e al 28 luglio alle ore 8:15 in seconda convocazione il Consiglio comunale che avrebbe dovuto, tra l'altro approvare il 24 luglio 2017 l’Equilibrio di Bilancio, DUP e Riclassificazione stato patrimoniale.

L’ordine del giorno è abbastanza corposo e non mancano di certo temi tecnici e di grande interesse per la cittadinanza.

Se il Consiglio fosse stato celebrato ieri sarebbero stati discussi i seguenti punti all’ordine del giorno: approvazione verbali sedute precedenti; salvaguardia Equlibri di Bilancio; approvazione Documento Unico di Programmazione 2018/2020 (DUP), PUC: problematiche inerenti, discussione e proposte; Piano di Protezione Civile, approvazione variante; Struttura Comunale Campi da Tennis: discussione e proposte; Roghi tossici discussione e proposte; Riclassificazione stato patrimoniale e inventario al 31/12/2015.

Di certo sarebbe stato una seduta lunga e logorante, allorché non vi erano nemmeno i microfoni necessari per la registrazione del parlato.

Ma non è stato certo questo a far rinviare il consiglio comunale né le assenze visto che mancava il solo Consigliere Apostoli. Allora cosa è stato?

Beh è stato il nuovo parere parzialmente negativo rilasciato dai Revisori contabili dopo che sulla Salvaguardia dell’Equilibrio di Bilancio sono stati forniti al Collegio alcuni atti. Quest’ultimo, dopo aver recepito i documenti e visionati, ha fornito una nuova valutazione arrivata solo ieri alle 13:00 circa: poche ore prima dell’inizio del Consiglio comunale.

Ulteriori criticità sono emerse anche sul Documento Unico di Programmazione e sullo Stato patrimoniale, temi di cui si sarebbe dovuto discutere in durante la celebrazione dell’Assemblea cittadina.

La richiesta di rinvio di tutto il Consiglio comunale è apparsa a tutti singolare, perché sarebbe stato opportuno, ed economico per l’Ente, discutere tranquillamente degli altri punti all’ordine del giorno e rinviare solo quelli che avevano necessità di essere rinviati, ma il Presidente del Consiglio comunale Marrazzo non è stato di questo avviso.

Mettere ai voti la decisione di rinviare tutta la discussione alla prossima seduta ha destato, infatti, la protesta da parte dell’opposizione che avrebbe voluto affrontare le tematiche sulle quali non non vi erano problemi anche per alleggerire la prossima discussione.

Che sia stata ravvisata la pericolosità della seduta visto che i Tecnici in materia economica presenti in aula avrebbero potuto votare contro o astenersi dal voto in merito ai punti del riequilibrio di bilancio, DUP e patrimonio?

In ogni caso sembrerebbe che l’approvazione di questi importanti temi incammini verso la stessa metodica adottata per l’approvazione del Consuntivo 2016 per timore che non si abbiano i numeri sufficienti in aula.

Se si usasse la stessa metodica adoperata per il Consuntivo, allora l’Attuale maggioranza mostrerebbe, senza ombra di dubbio, di essere fragile a tal punto da non essere in grado di rappresentare i cittadini che l’hanno votata.

Sarebbero necessari dei chiarimenti in merito a tutto ciò altrimenti si potrebbe pensare che si stia adottando la tecnica del “Tira a campare”: niente di più nefasto per una comunità.

La città di Qualiano ha ancora una classe politica che governa? Vi è ancora la libertà di decidere per il bene della città in piena libertà? I Consiglieri sono coscienti che le decisioni prese ricadono sulla cittadinanza?

  • Pubblicato in Focus
  • 0

Alle 12:00 si terrà l'inaugurazione del Ponte di Chiaia, oggetto di restauro

All'inaugurazione del 9° Monumento inserito nel programma "Monumentando" saranno presenti il Sindaco Luigi de Magistris e l'Assessore Carmine Piscopo 

NAPOLI - Ultimati i lavori di restauro al Ponte di Chiaia, prevista per oggi alle 12:00 l'inaugurazione della struttura completamente restaurata.

Saranno presenti il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris e l'assessore al Diritto alla Città Carmine Piscopo. Il restauro del Ponte del Ponte di Chiaia, nell'ambito del programma Monumentando che prevede il restauro e la valorizzazione dei Monumenti in città, è il nono intervento realizzato dei 27 monumenti inseriti nel programma.

L'iniziativa, come ben noto, è promossa dall'Amministrazione comunale ed attuata dalla società Uno Outdoor srl.

  • Pubblicato in News
  • 0

Telecamere Terra dei Fuochi a Qualiano, De Luca: "L'appalto sarà assegnato al secondo arrivato"

Il Sindaco di Qualiano Ludovico De Luca risponde sulla decisione del Tar di bloccare l'affidamento della gara per l'installazione videocamere della "Terra dei Fuochi" del progetto Fire Free Land.

Il 19 luglio scorso un articolo apparso sul Punto! aveva fatto portato a conoscenza della cittadinanza della sentenza del Tar che difatto ha bloccato l'affidamento all'aggiudicatario, pronunciandosi in favore del secondo arrivato.

  • Pubblicato in News
  • 0

Mugnano dopo la critica sul terzo membro dello staff, la replica di Sarnataro

Sarnataro replica al Movimento 5 Stelle: giusta la scelta discrezionale i componenti dello staff sono a contatto con documenti del Sindaco che sono delicati e riservati

Due giorni fa dal Movimento 5 Stelle una critica sulla nomina del terzo componente dello staff del Sindaco, ma soprattutto sulle modalità di scelta della persona. Ieri il Sindaco Luigi Sarnataro, a margine dell'incontro tra Sindaci avvenuto a Qualiano, ha replicato al Consigliere Umberto Zucconelli e al Movimento 5 Stelle.

 

Equilibrio di Bilancio di Qualiano arriva il parere negativo dei Revisori

Un'altra batosta per l'Amministrazione. I Revisori contabili danno parere negativo sull'Equilibrio di Bilancio: documenti ed atti mancanti e nessuna relazione dei residui dai responsabili di settore

QUALIANO - Nuovi problemi per i Bilanci del Comune di Qualiano. Nelle proposte di salvaguardia dell’equilibrio di Bilancio ed assestamento generale periodo 2017/2019, documento importante per il proseguimento di un’Amministrazione, vi sono importati problemi contabili nella documentazione che accompagna la delibera di salvaguardia del bilancio ovvero la 250 del 29/06/2017.

 A dirlo la nuova relazione dei Revisori contabili cioè il verbale 11 del 18 luglio 2017, dove gli stessi hanno rilevano tre gravi criticità. La prima: “alla delibera di Giunta Municipale non sono stati allegati i prospetti di equilibrio di bilancio”; la seconda: “dai prospetti aggiornati al 30/06/2017, inviati via e-mail 11/07/2017 risulta la non coincidenza tra le entrate del Titolo IX (entrate per conto di terzi e partite di giro) accertate per € 931.922,18 e le spese Titolo VII (spese per conto di terzi e partite di giro […]) per € 689.573,33 con una differenza di 242.348,85”; la terza: “non risultano relazioni dei responsabili di settore circa lo stato di attuazione dei programmi della esistenza o meno di probabili passività potenziali”.

 Non solo perché i Revisori hanno riscontrato altri gravi problemi riportati nella nota del Segretario Generare prot. 8514 del 20/06/2017 dalla quale risulta che i responsabili di settore non hanno adempiuto alla ricognizione debitoria verso i prestatori di servizi di energia elettrica, acqua, metano, gas, telefonici per gli edifici di competenza del Comune scuole comprese ancora inevasa, per i quali non è possibile quantificare eventuali passività.

In un’altra nota a firma del Segretario Generale e del Responsabile del Servizio finanziario prot. 9391 dell’11/07/2017 risulta l’assenza delle comunicazioni da parte dei responsabili dei settori di eventuali debiti fuori bilancio; non risulta approvato il Bilancio d’esercizio al 31/12/2016 della Società “Qualiano Multiservizi SpA” interamente partecipata dal Comune di Qualiano; non risulta allegato l’elenco degli incarichi legali esterni con gli estremi della convenzione e degli importi dell’affidamento e mancano anche gli atti determinativi esecutivi alla data del 30/06/2017.

In un precedente parere dei Revisori contabili, il n° 6 del 20/05/2017, gli stessi evidenziavano nell’esercizio 2016 era influenzato dall’applicazione dei principi contabili non corretta e invitavano il Comune di Qualiano a “provvedere con la massima urgenza al riaccertamento dei residui da parte dei singoli responsabili di settore e ad astenersi ad assumere impegni salve per spese obbligatorie imprescindibili il cui mancato sostenimento avrebbe potuto determinare un grave danno per l’Ente” ed il termine per il riaccertamento dei residui attivi e passivi era il 20/09/2017. Da notare, riporta il verbale dei Revisori, che “[…] nessun responsabile di settore ha proceduto al riaccertamento degli stessi [...]”.

 In base a tutto ciò, in maniera ovvia, il Collegio non ha potuto fare altro esprimere un parere negativo.

 Sicuramente la classe politica di Qualiano, anche alla luce di questo nuovo parere negativo, approverà in Consiglio comunale l’equilibrio di bilancio presumibilmente con le solite assenze, ma certamente senza avere la minima forza di ribellarsi a questo triste andazzo che porterà, inesorabilmente, anno dopo anno, la città di Qualiano verso l’avvitamento socio-economico.

I cittadini di Qualiano che pagano le tasse dovrebbero chiedere spiegazioni a coloro che si sono presentati in casa a chiedere il consenso elettorale perché è una loro responsabilità condurre la Città alla crescita. Ricordiamo che candidarsi alle elezioni è una scelta di coscienza non è per salute: non lo ha stabilito un medico. Non è giusto che per gli errori di pochi, siano questi anche in buona fede, debba pagare una intera comunità

Scarica in allegato il Verbale dei Revisori

  • Pubblicato in Focus
  • 0

Summit contro incendi e Roghi a Qualiano, presenti i rappresentanti di 7 comuni

Proficua mattinata quella trascorsa a Qualiano, dall'incontro un documento che prevede come prima risposta una manifestazione cui prenderanno parte i Sindaci dei comuni intervenuti

Questa mattina presso la Casa Comunale di Qualiano, si sono riuniti i sindaci dell’area nord per discutere della problematica dei roghi e degli incendi che sta mettendo in ginocchio l’area nord di Napoli e non solo. L'intento del summit è quello adottare una protesta forte che possa fornire una risposta ai cittadini e di attuare parallelamente azioni istituzionali che mirino ad arginare il fenomeno degli incendi e dei roghi.

Presenti all’incontro ospiti del Sindaco di Qualiano Ludovico De Luca con l’assessore Salvatore Napolano e Valentina Biancaccio, il Sindaco di Quarto Rosa Capuozzo, il Sindaco di Mugnano Luigi Sarnataro, il Commissario Prefettizio di Marano Antonio Reppucci, il Vice Sindaco di Melito Luciano Mottola, il Sindaco di Villaricca Maria Rosaria Punzo in compagnia dell’Assessore all’Ambiente Susi Napolano e del Consigliere Filomena Berto e il Vice Sindaco di Giugliano Domenico Pianese accompagnato dai consiglieri Francesco Iovinella e Pasquale Casoria.

Il Summit di Qualiano è durato circa due ore, ma è stato abbastanza proficuo. I Sindaci, infatti, hanno concordato un piano d’azione raccolto in un documento condiviso in sette punti che il sindaco De Luca ha divulgato a termine dell’incontro

Nessun Comune è stato immune da roghi in questo frangente come non lo è stato il comune di Quarto con due episodi quello della Collina di Marano e quello della Montagna spaccata che hanno destato non poche preoccupazioni.

A Mugnano quasi risparmiato dai roghi ma la città che amministra Sarnataro vive di riflesso un problema terribile quello dei roghi provenienti dal campo Rom di Scampia (Napoli) ed è stato uno dei primi a parlare di concertazione tra i sindaci.

Il Commissario Prefettizio di Marano Antonio Reppucci, invece, collegandosi al discorso del Sindaco di Mugnano ha posto l’accento su interventi che vanno fatti in sinergia per fornire risposte concrete ai cittadini.

Al Sindaco di Villaricca Maria Rosaria Punzo abbiamo chiesto di una zona potenzialmente a rischio quella di via Sambuco

Il comune di Melito di Napoli vive un a situazione di relativa tranquillità perché essendo un territorio fortemente urbanizzato sono poche le zone dove potrebbe essere appiccato il fuoco se non ai rifiuti. Vive tuttavia una situazione di rischio a causa dei Roghi che si levano dal Campo Rom di Scampia il Vice Sindaco Luciano Mottola ci risponde.

 

 

 

 

 

  • Pubblicato in Focus
  • 0

Giugliano il Tar dà ragione ai Promotori del referendum sull'Eco villaggio Rom

Il Comitato promotore del referendum sull'eco villaggio Rom di Giugliano: "Una sentenza storica, un importante precedente giurisprudenziale"

GIUGLIANO – Un duro colpo arriva all’Amministrazione di Giugliano da parte del TAR. Il Tribunale Amministrativo Regionale sul referendum cittadino sull’Eco Villaggio Rom ha dato ragione ai ricorrenti.

La battaglia parte quando in città arriva la notizia che una delibera di Giunta Regionale riportava la costruzione di un campo Rom destinato a Giugliano. Vi fu subito una levata si scudi da parte delle opposizioni di centro destra che ritenevano che le scelte sull’integrazione dovessero passare per altri strumenti politici. Da quel momento ci furono scontri politici, polemiche, l'opionione pubblica si divise in due e poi raccolte firme per un referendum cittadino per mettere nelle mani dei cittadini la possibilità di decidere della costruzione o meno dell’ormai celebre Eco Villaggio Rom.

Il referendum doveva essere portato in Consiglio comunale e l’Assemblea cittadina avrebbe dovuto decidere se permettere o no ai cittadini di pronunciarsi sulla costruzione della struttura destinata ai Rom del Campo di Giugliano.

Il passaggio in Consiglio comunale fu negato e il comitato promotore decise di rivolgersi al TAR. Ieri, infatti, il Tribunale Amministrativo Regionale si è pronunciato in favore del Comitato promotore del Referendum per l’Eco Villaggio Rom (Fratelli d’Italia, Forza Italia, CambiaMenti e Guarino Sindaco).

«Una sentenza storica, – commentano i componenti del Comitato promotoreun importante precedente giurisprudenziale. Il TAR si è pronunciato nel merito del ricorso mosso dal comitato promotore "Eco Villaggio Rom", che viene accolto in diritto. Il consiglio comunale dovrà presto esprimersi e decidere se dare voce o meno alla città che chiede di essere coinvolta nella scelta di costruire un villaggio ROM in zona Ponte Riccio».

Viene così allontanato ogni dubbio sollevata sulla violazione della Costituzione, della Carta Sociale Europea e del Testo Unico Enti Locali.

«Non vi è alcuna violazione da parte dei cittadini – proseguono i promotori - se non il pasticcio di competenze generato dal sindaco, il segretario generale, il presidente del consiglio, Prefetto e Ministero, che oggi perdono».

Il referendum dovrà necessariamente passare in Consiglio comunale.

  • Pubblicato in Focus
  • 0

Avviso pubblico per il terzo staffista del Sindaco di Mugnano: partono le critiche

Il Movimento 5 Stelle di Mugnano solleva critiche nei confronti della modalità di selezione che come riporta il bando avviene attraverso una scelta discrezionale ed insindacabile del Primo cittadino

MUGNANO - Pubblicato un bando dal Comune di Mugnano per nominare il terzo elemento dello Staff del Sindaco Sarnataro. Nell'avviso si riporta che il posto da ricoprire è per un istruttore direttivo amministrativo e il lavoro sarà svolto in part time al 66%. La figura dovrà essere di supporto nelle relazioni per il pubblico e rapporti socio assistenziali. Il rapporto di lavoro con il Comune sarà a tempo determinato. Il trattamento economico sarà quello della categoria D1 e l'incarico, essedo nell'ambito dello staff del Sindaco, durerà fino alla fine del mandato.

Il Movimento 5 Stelle di Mugnano, oltre a non vedere la necessità di un altro componente, solleva una critica sulla metodologia di scelta cioè quella dell'intuitu personae cioè la scelta attraverso la fiducia personale e discrezionale del Sindaco, in questo caso. Tale scelta, inoltre, è insindacabile. Nel'Avviso, però, è riportata la possibilità di un colloquio personale con il primo cittadino per accertare le competenze.

È bene precisare però che questo tipo di scelta, nell'ordinamento italiano è di eccezione dato che la Costituzione italiana all'Articolo 97 nel rapporto di pubblico impiego richiama quale modalità di selezione il Concorso pubblico; da qui la critica sollevato dai 5 stelle mugnanesi.

Questo il commento del Movimento 5 Stelle di Mugnano affidato ad una nota stampa attraverso il Consigliere comunale Umberto Zucconelli: «Il Comune di Mugnano fa un bando per un terzo staffista del Sindaco, di cui non si vede proprio la necessità, ma la cosa più grave è che la scelta avverrà intuitu personae, alla faccia della rivoluzione culturale, rivoluzione regresso!».

Clicca qui per l'Avviso

 

 

  • Pubblicato in News
  • 0

Per non dimenticare le vittime della mafie, ricordato Borsellino nella Villa Comunale di Qualiano

Una bella mattinata quella trascorsa nella Villa Comunale di Qualiano per la commemorazione di Paolo Borsellino e degli agenti della sua scorta

QUALIANO – In una splendida giornata di luglio è stata ricordata la tragica morte del Giudice Paolo Borsellino e degli agenti della sua scorta.

Nella cornice della Villa Comunale di Qualiano, dove sorge il Monumento in onore delle Vittime delle Mafie, posato dall’Associazione “Archimede” ben 15 anni fa, è stato celebrato dall’Associazione “Terra Viva”, dal Direttore Responsabile del “Punto! Il WebMagazineCarmine Sgariglia in rappresentanza della Redazione, da Giuseppe Ricciardiello Presidente della “Pro Loco Gaudianum”, la tragica morte di Paolo Borsellino, barbaramente trucidato, insieme alla scorta, 25 anni fa in via D’Amelio a Palermo.

Presenti sul posto il Sindaco Ludovico De Luca, il Comandante della Stazione di Qualiano Mar. Pasquale Bilancio e il suo Vice Mar. Marco Calandra in rappresentanza dell’Arma dei Carabinieri. Presente sempre a queste manifestazioni, quando si parla di legalità  il Poeta Muratore al secolo Antonio Cipolletta.

Grande assente della giornata la popolazione che nonostante fosse stata invitata a partecipare non è intervenuta, sicuramente il prossimo anno sarà presente non disperiamo. Come non è intervenuta la classe politica di Qualiano eccezion fatta per due cosiglieri di opposizione; alcuni di essi, infatti, hanno preferito una commemorazione 2.0, attraverso post facebook ricordando cosi Paolo Borsellino, evidentemente troppo "pigri" per una commemorazione dal vivo. Sicuramente l’anno prossimo parteciperanno, sperando non sia solo per la campagna elettorale.

Dopo il Saluto della Vicepresidentessa Letizia Di Lauro, cerimoniera dell’evento, in rappresentanza dell’Associazione antiviolenza Terra Viva che sta svolgendo un percorso per portare un presidio dell’Associazione Libera, nomi e numeri contro le mafie, è stato ricordata la figura di Paolo Borsellino con un discorso che lo stesso ha pronunciato al funerale di Giovanni Falcone. Chissà se in quel momento particolare, pensava che di li al trascorrere di meno di due mesi avrebbe seguito la stessa sorte dell'amico e collega.

Contributo video:

A leggere il discorso, un emozionato quanto febbricitante Direttore del “Punto!” Carmine Sgariglia in un ossequioso silenzio rotto dal solo applauso finale.

Contributo video:

Subito dopo l’intervento del Poeta Muratore che, dopo un breve intervento mirato a lodare la forza d'animo di Borsellino, ha letto una poesia sul tema.

Contributo video

Ultimo intervento quello del Sindaco di Qualiano che con forza ha voluto sottolineare l’estraneità di Qualiano a vicende criminali. Dichiarando che nella sua città vengono solo a delinquere e non vi sono criminali stanziali o criminalità organizzata.

Contributo video:

A concludere la celebrazione la posa di una corona di alloro presso il Monumento in onore delle Vittime delle mafie, da parte della Presidentessa Maria Massaro e la Vice Letizia Di Lauro, che al momento coperto da un albero. Il Sindaco Ludovico De Luca ha, tuttavia, promesso di farlo rimuovere per rendere più visibile la lapide.

Contributo video

PUC Qualiano, il PD: una redazione condivisa con la politica e i cittadini

Invito ad abbassare i toni sull'argomento, una redazione condivisa con politica e cittadini e chi sbaglia paga. Questi i temi venuti fuori dalla Conferenza stampa del PD di Qualiano. Incertezza sui tempi

Si è tenuta ieri sera nella sede del Pd di Qualiano una conferenza stampa sul Piano urbanistico comunale che ha ricevuto da Città Metropolitana di Napoli una valutazione di incoerenza su ben 18 punti.

La Conferenza stampa è stata fortemente voluta per mettere a conoscenza della città il punto di vista del Partito Democratico sulla vicenda e sulla road map da seguire per giungere all’approvazione.

Il primo intervento è stato quello della Segretaria Margherita Palma che, di concerto con i componenti del direttivo i Consiglieri comunali e gli Assessori, ha organizzato l’evento per spiegare con l'ausilio dei componenti del partito, con estrema chiarezza, cosa il PD intende fare e quali strade percorrere per ottenere una stesura del PUC meritevole di accoglimento.

Intervento Margherita Palma:

Il secondo intervento è stato quello di Carmine Sgariglia storico componente del Direttivo Partito Democratico. Sgariglia, nella sua relazione, ha individuato quale responsabile dei fallimenti passati e presenti la volonta della classe politica di Qualiano di voler accontentare un po’ tutti come se il territorio di Qualiano fosse quello di una grande città. Sgariglia ha tenuto a precisare, inoltre, che un Piano Urbanistico Comunale con un numero di vani legittimamente concesso vada anche a migliorare la qualità della vita dei cittadini. Particolare attenzione sarà dedicata alle aree artigianali ed industriali dove si potranno insediare delle attività produttive necessarie alla vita della città.

Intervento Carmine Sgariglia:

L’intervento successivo è stato quello dell’Assessore Salvatore Napolano che ha parlato di ennesimo rinvio del Puc anziché di bocciatura. Al di là della minimizzazione, i punti giudicati incoerenti sono circa 18. Secondo Napolano, infatti, il Piano Urbanistico di Qualiano è stato valutato in base al PTCP che è ancora in itinere. Non solo Napolano ha chiesto a tutti di abbassare i toni e perseguire una strada comune per arrivare, lavorando in concerto ad una stesura corretta del Puc anche con il contributo dei cittadini di Qualiano. Napolano pone l’accento anche sulla necessità di abbandonare le vecchie idee di andare a consumare suolo con numeri eccessivi di vani. Stando a quando dice Napolano, lavorando tutti nella stessa direzione si riuscirebbe in due mesi a pubblicare di nuovo tutto, ma questo si scontra con una volontà politica che può avere altre prerogative.

Intervento Salvatore Napolano:

La parola passa al Consigliere Raffaele De Leonardis, già da tempo in una posizione molto più critica rispetto agli altri. De Leonardis, infatti, ha fatto parte della schiera di Consiglieri che si recarono al dipartimento di Architettura per avere ragguagli sul PUC per poi non riuscire a vederlo. De Leonardis ha, inoltre, fatto un rapido escursus dei tempi di approvazione del Piano Urbanistico Comunale e dalle sue parole, francamente ci appare poco realistico approvarlo entro la fine della consiliatura. Vi sarebbero troppi passaggi da fare compresa la variazione del Piano di Protezione civile.

Intervento Raffaele De Leonardis

Conclude la conferenza stampa l’intervento dell’Assessore Valentina Biancaccio. L’Assessore ha tenuto a precisare che l’Amministrazione era convinta che fosse stato presentato un documento che rispondesse alle prerogative richieste. La sua convinzione legata al fatto che per questo motivo la redazione era stata affidata a tecnici dell’Università che, tra l’altro si sono resi disponibili ad affiancare i tecnici del comune in maniera gratuita per la nuova redazione di una nuovo Piano Urbanistico Comunale. Biancaccio tiene anche a precisare che nel caso dovessero esservi difficoltà coloro che lavoreranno di nuovo alla redazione se ne assumeranno la responsabilità.

Intervento Valentina Biancaccio:

Visto l’importanza della tematica e dei tempi che sono stati impiegati per una prima redazione giudicata incoerente su 18 punti, abbiamo posto ai presenti delle domande in merito all’importante strumento urbanistico e alla collaborazione con Città Metropolitana per la nuova redazione.

 

  • Pubblicato in Focus
  • 0
Sottoscrivi questo feed RSS